Anche dopo l’inizio delle vaccinazioni il Governo ha deciso di portare avanti la divisione delle Regioni per colore. Scopriamo quali territori sono in zona arancione e quali regole bisogna seguire.

I contagi dovuti al Covid non accennano a calare in Italia e le Regioni continueranno ad avere colori e regole diverse. La decisione presa dal Ministero della Salute è dovuta dalla fase critica dell’epidemia, che potrebbe peggiorare e portare a un nuovo innalzamento dei casi. Proprio per evitare questo scenario, e data la tendenza in salita di alcune Regioni e province autonome, il Governo ha imposto misure più incisive e immediate, prorogando anche la divisione in colori. Cerchiamo quindi di capire quali sono le nuove regole sul territorio nazionale per la zona arancione e quali regioni interessano.

Zona arancione: quali sono le Regioni

Secondo le nuove misure varate dal Governo, e valide da gennaio a marzo, saranno mantenute le divisioni per zone di colore. Questa differenziazione, come ormai sappiamo, varia in base a diversi fattori. Alcuni dei quali sono la gravità, la pressione sulle terapie intensive o il numero di contagi sul territorio della regione.

smartworking lockdown
Fonte foto: https://www.pexels.com/it-it/foto/uomo-persone-connessione-scuola-6517325/

Va detto però che le misure relative a ogni fascia avranno un impatto ancora maggiore. In particolare secondo quanto stabilito dall’ultimo Consiglio dei Ministri le Regioni in zona arancione sono Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto. Tutte le altre invece faranno parte della zona gialla o rossa, per cui le regole e le restrizioni saranno diverse.

Quali sono le regole in zona arancione?

Ora che abbiamo chiare quali siano le regioni in zona arancione, cerchiamo di capire quali sono le regole. Infatti, come abbiamo anticipato, le misure sono più incisive e cambieranno in base all’andamento dei contagi. In ogni caso le regole imposte alla zona arancione sono:

  • chiusura dei centri commerciali il fine settimana
  • negozi aperti fino alle 22
  • aperti centri estetici e parrucchieri
  • serrata di bar e ristoranti
  • sempre consentita la consegna a domicilio
  • asporto consentito a bar, fino alle 18, e ai ristoranti, fino alle 22
  • consentiti gli spostamenti per motivi di salute, comprovate necessità e lavoro

Inoltre restano valide tra le regole in vigore in zona arancione il divieto di spostarsi tra Regioni, che durerà fino a metà febbraio. Sono poi consentiti gli spostamenti dentro il proprio Comune e dei Comuni fino a 5 mila abitanti, ma entro 30 km. È stata poi introdotta la possibilità di spostarsi verso la seconda casa, che sia di proprietà o in affitto, purché il viaggio sia limitato al nucleo familiare. Tuttavia questo punto è ancora da definire, soprattutto dopo la confusione relativa al superamento dei confini comunali o regionali, e si attendono novità nelle FAQ del Governo.

Infine, secondo le regole in zona arancione, rimane valida la possibilità di fare visita ad amici o parenti non autosufficienti ma una sola volta al giorno, tra le 5 e le 22 e solo per due persone. Queste sono le nuove misure varate dal Governo e valide fino a marzo, ma non si escludono repentini cambiamenti dovuti all’andamento dei contagi.

Fonte foto di copertina: https://www.pexels.com/it-it/foto/uomo-persone-connessione-scuola-6517325/


Regole zona rossa, quali sono le Regioni e quali le nuove restrizioni

Vaccino Covid, come procederanno le vaccinazioni?