Patrimonio netto, cos’è e come si calcola

La definizione di patrimonio netto fa sempre riferimento alla differenza che intercorre tra le attività e le passività facenti parte dello stato patrimoniale di un’azienda: nel momento stesso in cui una Società o una qualsiasi attività diviene formalmente esistente, la definizione di patrimonio netto tende sempre a coincidere con quello che è il capitale sociale che il soggetto economico apporta rappresentato di norma proprio dagli azionisti.

Vediamo dunque di comprendere cos’è nello specifico il patrimonio netto e quali calcoli occorre effettuare per definirne l’entità attraverso questa semplice guida.

Patrimonio netto: definizione

Cos’è il patrimonio netto? Per definizione, è esattamente la differenza tra le attività dello stato patrimoniale di un’azienda o di una Società e relative passività. Ciò significa il patrimonio netto è caratterizzato dal capitale sociale apportato al momento dell’apertura dell’attività ma che nel caso di un’azienda o Società già avviata rappresenta invece un calcolo variabile che prende in considerazione perdite, accantonamenti ecc. Il patrimonio netto è quindi costituito da tutte quelle fonti di finanziamento interne derivate dai soggetti che costituiscono l’azienda o la Società, gli azionisti appunto.

Le componenti del patrimonio netto

Dopo aver chiarito il significato e la definizione di patrimonio netto, occorre esaminare tutte le molteplici componenti che contribuiscono a renderlo tale, caratterizzato nelle imprese non solo dal capitale sociale, ma anche dalle riserve, perdite e utili accumulati unitamente alle quote di pertinenza dei terzi. Nello specifico quindi le componenti che lo determinano sono:

  • Capitale sociale: rappresenta per definizione il calcolo di quanto investito dai singoli soci al momento della costituzione della Società. Esso è diviso in quote assegnate in maniera proporzionale a quanto versato dagli stessi azionisti;
  • Riserve: rappresentano quelli che sono gli utili societari i quali non vengono distribuiti ma immagazzinati in modo da rappresentare una forma di autofinanziamento utile per far fronte ad ogni genere di possibile imprevisto;
  • Utili da destinare: rappresentano invece gli utili che possono sia essere incorporati nelle riserve sia ripartiti ai vari soci;
  • Perdite in sospeso: possono altresì essere riferite sia alla perdita dell’ultimo esercizio in ordine temporale, sia a quella di esercizi precedenti ancora in attesa di copertura.

E’ inoltre opportuno ricordare che tale distinzione non è da ritenersi valida se contestualizzata all’interno di Società individuali.

Patrimonio netto calcolo
Fonte immagini: https://pixabay.com/it/avvio-start-up-notebook-creativo-593327/

Calcolo del patrimonio netto

Come si calcola il patrimonio netto e per quale motivo la sua misura risulta essere sempre particolarmente importante? Tale calcolo avviene convenzionalmente attraverso la seguente formula generale:

  • capitale sociale + riserve + utili da destinare – perdite in sospeso

Attraverso tale calcolo del patrimonio netto possono dunque emergere differenti situazioni che rappresentano importanti indicatori per quella che può essere la generale “salute economica” di un’azienda o Società.

  • Patrimonio netto = attività: se il valore del patrimonio netto corrisponde a quello delle attività significa che la società in questione non presenta debiti e può applicare una “politica” di autofinanziamento;
  • Attività > passività: se invece le attività risultano superiori alle passività, il calcolo del patrimonio in questo caso presenta un risultato positivo;
  • Attività = passività: se al contrario attività e passività presentano lo stesso valore, il patrimonio netto è parificato a zero. Questo implica che l’azienda in questo caso non possiede fonti di autofinanziamento e utilizza quelle offerte da terzi;
  • Passività > attività: infine, se le passività sono maggiori delle attività allora si parla di patrimonio netto negativo, ossia di deficit patrimoniale.

Differenza tra patrimonio netto e capitale sociale

Spesso tuttavia il patrimonio netto viene confuso col capitale sociale nonostante i due termini abbiano accezioni e significati distinti. Il capitale sociale infatti rappresenta parte del patrimonio netto ed è caratterizzato dalla somma investita da chi sceglie di far parte di un’attività in qualità di azionista. E’ infine opportuno ricordare che all’atto di costituzione della Società, il capitale sociale e il patrimonio netto si equivalgono per poi divergere successivamente col passare del tempo in quanto nel calcolo rientrano altri elementi chiave quali utili, perdite, riserve ecc.

Fonte immagini: https://pixabay.com/it/avvio-start-up-notebook-creativo-593327/

Ultimo aggiornamento: 19-02-2019

PlayOptions