Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) –
Nessun legame provato tra vaccini anti-Covid a mRna e perdite post-menopausa. Il Comitato di farmacovigilanza (Prac) dell'Agenzia europea del farmaco Ema, nella sua ultima riunione del 4-7 marzo, ha concluso che "non esistono evidenze sufficienti per stabilire un'associazione causale tra i vaccini Covid-19 Comirnaty* e Spikevax*", quelli di Pfizer-BioNTech e Moderna, "e i casi di sanguinamento postmenopausale".  Per sanguinamento postmenopausale, ricorda l'Ema, si intende un "sanguinamento vaginale che si verifica un anno o più dopo l'ultima mestruazione". Un fenomeno che viene "sempre considerato anomalo" e che "può essere un sintomo di gravi condizioni mediche. Di recente, dalla letteratura medica e dai dati post-autorizzazione" all'immissione in commercio, "sono emerse nuove informazioni che hanno spinto" l'ente regolatorio Ue "a indagare sul sanguinamento postmenopausale con i due vaccini" anti-Covid a mRna.  "Il Prac ha valutato tutti i dati disponibili – informa l'Ema – compresi i risultati della letteratura e le segnalazioni spontanee post-marketing su sospette reazioni avverse" alla vaccinazione. E "dopo un attento esame", il Comitato di sicurezza ha ritenuto che "i dati disponibili non supportano un'associazione causale e non è giustificato un aggiornamento delle informazioni di prodotto per nessuno dei vaccini" considerati. —internazionale/[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 08-03-2024


Chi è Oliver Bearman, il pilota al posto di Carlos Sainz sulla Ferrari

Harry e Meghan verso ritorno a Londra: come reagirà William?