I Codici Tributo da utilizzare per il Ravvedimento in caso di mancanza

I Codici Tributo da utilizzare per il Ravvedimento

Dovete effettuare un ravvedimento e non sapete quali codici tributo utilizzare? Ecco una guida per poter pagare tutto il dovuto senza sbagliare.

I Codici Tributo da utilizzare per un ravvedimento cambiano in base al tipo di ravvedimento da dover pagare. Ma, prima di tutto, di cosa si tratta?

Il Ravvedimento, o Ravvedimento Operoso, non è altro che il nome con cui viene chiamata la procedura con la quale, se avete pagato delle tasse meno del dovuto, potete saldare quello che ancora dovete allo stato “Ravvedendosi”, da qui il nome.

Ogni anno si pagano numerose tasse e può capitare di sbagliare, ma come fare per rimediare all’errore?

Come funziona il Ravvedimento

Semplicemente, per sfruttare il Ravvedimento operoso e mettersi in pari con le tasse non bisogna fare altro che pagare quanto dovuto più gli interessi.

Obbligazioni step up
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/contabilit%C3%A0-tasse-insediamento-615384/

Gli interessi della sanzione vengono calcolati dal giorno successivo alla scadenza del pagamento, ecco gli sconti con il ravvedimento oneroso:

  • Fino a 14 giorni di ritardo: sanzione del 15% ridotta allo 1,4%
  • Dal 15° al 30° giorno: sanzione del 15% ridotta a 1/10 (1,5%)
  • Ritardo dal 31° al 90° giorno: sanzione del 15% ridotta ad 1/9 (1,67%)
  • Dal 91° giorno fino al termine della dichiarazione o, al massimo entro un anno: sanzione del 30% ridotta ad 1/8 (3,75%)
  • Entro due anni: Sanzione del 30% ridotta ad 1/7 (4,29 %)
  • Oltre i due anni: sanzione del 30% ridotta al 5%

Se si opera il ravvedimento, ossia il pagare in autonomia delle mancanze, le sanzioni vengono ridotte di molto.

Chi può utilizzare il ravvedimento?

Tutti possono sfruttare il ravvedimento per pagare meno eventuali sanzioni, anche se sono già in atto controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Fino a pochi anni fa non era così, ma oggi solo nel caso in cui siano già attive procedure di liquidazioni è troppo tardi per sfruttare il ravvedimento oneroso.

Capita spesso che il ravvedimento si paghi durante un’ispezione, perchè ci si rende conto che ci sono dei problemi e, magari, li si vanno a cercare. Tuttavia, anche se si paga, questo non bloccherà in alcun modo eventuali controlli o ispezioni.

I Codici Tributo per il ravvedimento oneroso

Per pagare delle mancanze con il ravvedimento oneroso bisogna utilizzare il Modello F24 utilizzando i corretti codici tributo.

Ecco quali sono tutti i codici tributo da utilizzare per i diversi ravvedimenti:

  • 8926: Sanzione Ravvedimento per l’Addizionale Comunale Irpef.
  • 8927: Sanzione Ravvedimento con rettifica 730 per l’Addizionale Comunale Irpef.
  • 1994: Interessi sul Ravvedimento per l’Addizionale Comunale Irpef.
  • 8902: Sanzione pecuniaria per l’Addizionale Comunale Irpef.
  • 8916: Sanzione per rettifica 740 per l’Addizionale Comunale Irpef.
  • 1535: sanzioni per ravvedimento sulle successioni.
  • 1537: interessi sul ravvedimento sulle successioni.
  • 1992: interessi sul ravvedimento per le imposte sostitutive.
  • 1993: interessi sul ravvedimento per l’IRAP.
  • 8907: sanzione pecuniaria IRAP.
  • 1990: Interessi sul Ravvedimento IRES.
  • 1989: Interessi sul Ravvedimento IRPEF.
  • 1991: Interessi sul Ravvedimento IVA.
  • 8904: Sanzione IVA.

Fonte immagine interna e di copertina: https://pixabay.com/it/photos/euro-sembrare-denaro-finanza-870757/

Ultimo aggiornamento: 08-01-2020