La manovra finanziaria 2021 si pone l’obiettivo di arginare i pesanti danni portati dalla pandemia sull’economia del paese

Saranno diversi gli ambiti su cui la legge di Bilancio 2021 metterà mano, tra questi l’occupazione giovanile, la sanità, il sostegno alle imprese. Il programma prevede un investimento di più di 50 miliardi in 15 anni, a cui bisognerà sommare i fondi del Recovery Plan. Grande focus è stato quello sulla famiglia, con l’introduzione dell’assegno unico per i figli fino a 21 anni e la conferma del bonus natalità. Analizziamo più nel dettaglio gli aiuti previsti all’interno del Family Act.

bonus casa
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/denaro-euro-banconota-calcolatrice-168025/

Bonus vacanze

Il bonus vacanze comprende un credito variabile in base ai componenti del nucleo familiare: 150 euro per nuclei composti da una persona, 300 euro per nuclei composti da due persone e 500 per le famiglie con più di due persone.

Il bonus verrà erogato all’80% sotto forma di sconto da parte della struttura alberghiera, mentre il restante 20% si potrà detrarre nella dichiarazione dei redditi del prossimo anno.

Bonus unico per i figli

Questo è sicuramente l’incentivo rientrante nel Family Act che ha attirato maggiormente l’attenzione, si tratta di un assegno unico per figli fino ai 21 anni d’età. Sarà composto da una parte universale e una variabile, che subirà maggiorazioni dal terzo figlio oppure se in caso di figli disabili. Per i figli dai 18 ai 21 anni l’assegno verrà corrisposto direttamente ai giovani adulti, ma solo se iscritto all’università o a un corso professionale. Le risorse stanziate sono di 3 miliardi per il 2021, ma puntano a diventare 5 nel 2022.

Bonus Asili Nido

Il bonus asili nido prevede un sostegno economico nel pagamento delle rette per asili nido sia pubblici che privati e per ulteriori forme di assistenza, anche domiciliare, in caso di bambini sotto i 3 anni d’età affetti da gravi patologie.

Si punta all’aumento delle risorse per 100 milioni dal 2022 con l’obiettivo di raggiungere i 300 milioni annui a regime nel 2026. L’erogazione avverrà in base all’Isee della famiglia, con un massimo di 3mila euro annui. Al bonus si aggiungono poi iniziative di welfare aziendale sostenute anche dal Recovery Plan, su cui è possibile trovare maggiori informazioni su siti dedicati come www.edenred.it. Questi interventi non mirano unicamente a fornire un sostegno economico alle famiglie, ma anche a slegare le donne dai lavori di cura, aumentandone la presenza nel mercato del lavoro.

Bonus digitalizzazione

Per chi vive con reddito Isee sotto i 20 mila euro è prevista l’erogazione di uno smartphone per famiglia in comodato d’uso con internet gratis per un anno. È necessario che non vi sia già presente un contratto di connessione internet e uno di telefonia mobile, inoltre è incluso l’abbonamento a due giornali e l’app IO per i pagamenti verso il cashback di Stato.

Bonus Bebè

Il bonus natalità è stato confermato anche per quest’anno e porterà a 10 giorni la durata del congedo di paternità, inoltre in caso di adozioni e affidamenti preadottivi la prestazione potrà spettare anche a Isee superiori ai 40mila euro o anche in assenza dell’indicatore Isee. È necessario calcolare l’Isee dal 1 gennaio del 2021 per poter sapere in modo corretto la cifra che si può ricevere.

Bonus ai figli con disabilità

Si tratta di un credito che può arrivare a 500 euro al mese, erogato per 3 anni nel caso in cui in famiglia vi fosse un figlio con disabilità almeno al 60%. La manovra di Bilancio ha stanziato 5 milioni di euro all’anno per tre anni, a partire dal 2021; si tratta di un aiuto destinato a madri sole, disoccupate e monoreddito.

Bonus per medici e infermieri

Importante anche citare il bonus per operatori sanitari quali medici e infermieri, che prevede 850 milioni all’anno circa , di cui 500 milioni per i medici e fino, 335 milioni per gli infermieri e 100 milioni per il restante personale sanitario.

Bonus Mobili

Di grande aiuto per le famiglie si è dimostrato il bonus mobili, che salirà a 16 mila euro come tetto massimo. La detrazione per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici sarà al 50%. La detrazione Irpef varierà in base alla classe dell’elettrodomestico, ma è bene ricordare che sebbene l’aiuto spetti anche per acquisti effettuati nel 2021, questi devono comunque far parte di un intervento di ristrutturazione iniziato nel 2020.

Bonus tv e Decoder

Vediamo infine l’ultimo bonus che può venire in aiuto alle famiglie: il bonus tv prevede un’agevolazione per l’acquisto di televisori e decoder con un valore di massimo 50 euro. Sarà disponibile fino al 31 dicembre del 2022 o all’esaurimento delle risorse stanziate.

ultimo aggiornamento: 24-02-2021


Noleggio auto a lungo termine, la scelta più giusta

Draghi elimina il Cashback, inizia il cambio di passo della nuova legislatura