Quando si vogliono effettuare delle ricerche su una specifica impresa italiana, si ricorre spesso a un documento definito visura camerale.

Quando si vogliono effettuare delle ricerche su una specifica impresa italiana, si ricorre spesso a un documento definito visura camerale. Il documento in questione è redatto e aggiornato dalla Camera di Commercio e può riferirsi a una qualsiasi impresa italiana regolarmente iscritta al Registro delle Imprese.

Work,From,Home,,Businessman,Hands,Working,In,Stacks,Of,Paper

Quando chiedere una visura camerale

Richiedere una visura camerale online si rivela estremamente utile in diversi casi. Se, ad esempio, si stanno cercando tutti i dati relativi a una specifica impresa italiana con cui si sta stringendo un accordo, la visura della Camera di Commercio si rivela estremamente preziosa: questa, infatti, può – tra le altre cose – rivelare di quanti soci si compone quella specifica impresa e svelare le cariche sociali che ricoprono all’interno della stessa.

D’altra parte, si tratta di uno strumento essenziale anche per ricostruire la storia dell’impresa, poiché la visura camerale online permette di ricostruire eventuali spostamenti dell’azienda, o ancora fusioni e scissioni, dando dunque un’idea globale delle vicissitudini che hanno portato l’impresa a essere quella che è adesso. Inoltre, la visura camerale può essere estremamente utile nell’ottenimento di un report aziendale: alcuni si rivolgono ad essa proprio con i termini di visura società o visura azienda.

Come si intuisce, dunque, la visura camerale è un documento essenziale per verificare i capitali, l’affidabilità e le strategie dell’impresa con cui si intende stabilire un contatto, di enorme importanza se si vogliono evitare sorprese spiacevoli. Ad esempio, uno dei rischi cui si potrebbe andare incontro è quello di entrare in rapporti e impegnarsi con un’impresa in liquidazione.

Il caso dell’accordo con un’impresa in liquidazione è particolarmente rischioso, perché non si sa mai quando avverrà la chiusura definitiva della società (processo che potrebbe anche durare anni); ne consegue che non si può essere certi se il patrimonio sociale dell’impresa permetterà di affrontare l’impegno preso, né se effettivamente la società con cui si è in accordo vivrà abbastanza da espletare tutte le prestazioni richieste dall’accordo stesso. Proprio per questo, la visura camerale online si rivela una volta di più di importanza strategica per evitare un simile inconveniente, perché permette di venire a conoscenza dello stato di insolvenza dell’impresa stessa (informazioni su cui la Camera di Commercio è sempre aggiornata).

Visura camerale: che cosa è?

Definiti i possibili utilizzi della visura camerale online, è possibile approfondire meglio la natura di questo documento, svelando in primo luogo che esistono due tipi di visure camerali, che si distinguono per struttura e informazioni contenute.

La visura camerale ordinaria, infatti, contiene tutti i dati attuali sull’impresa oggetto di attenzione, aggiornati ovviamente al momento della richiesta della visura stessa. Tra i dati forniti, si annoverano certamente la data di costituzione dell’impresa stessa, nonché la sua sede legale, passando per lo stato dell’attività; in tal senso, una visura camerale online permette di scoprire se l’impresa è in attività, è cessata o – caso di particolare interesse – se è in liquidazione.

Una visura permette inoltre di conoscere i dati del capitale sociale dell’impresa, nonché quelli dell’imprenditore (se da solo) o dei diversi soci (di cui vengono indicate, allo stesso tempo, anche le diverse cariche). La visura camerale online inoltre fornisce la Partita IVA dell’impresa in questione, nonché l’indicazione di eventuali certificazioni di qualità e il numero di dipendenti (per l’anno in cui è richiesta la verifica). Infine, il tutto è corredato dal codice REA (Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative).

Una visura camerale storica, invece, si presenta come un documento più completo e nutrito di informazioni. Se la visura ordinaria fornisce i dati relativi al solo momento della richiesta, la visura storica, invece, colma il vuoto tra il momento della fondazione dell’impresa stessa e quello della verifica, raccontando, appunto, la storia della società (compresa di iscrizioni, atti depositati, scissioni, fusioni, trasferimenti, quote societarie e altro).

Queste due grandi categorie di visure camerali possono essere accompagnate da documenti relativi ai singoli componenti della società: esistono infatti visure complete che possono elencare le cariche che la persona o le persone interessate hanno ricoperto o ricoprono all’interno di una o più imprese; altre visure possono riguardare un singolo socio, elencando le imprese in cui questi ha un ruolo o una qualifica; altre visure camerali possono essere organizzate diversamente in base al tipo di società oggetto di indagine (sia essa società di capitali, società di persone o impresa individuale).

Come richiedere una visura camerale

Essendo la visura camerale rilasciata dalla Camera di Commercio, è possibile ottenere una visura direttamente da essa, previa conoscenza del codice fiscale dell’imprenditore (se si vuole indagare su un’impresa individuale) o della partita IVA della società oggetto di analisi. È allo stesso tempo possibile richiedere una visura camerale online mediante servizi e portali specifici, che erogano in risposta – con tempi pressocché immediati – un PDF contenente tutte le informazioni richieste. Trattandosi di servizi di mediazione tra l’utente e la Camera di Commercio, il loro utilizzo prevede un pagamento per ogni documento rilasciato. Ultimamente, inoltre, le visure erogate sono munite di un QR code capace di garantire l’autenticità del documento.

Riproduzione riservata © 2022 - EFO

ultimo aggiornamento: 17-02-2022


Assicurazioni sanitarie e sulla vita: i termini da conoscere

Le guerre che determinano i trend di investimento mondiali