Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – "Il sostegno della Nato all'Ucraina salva vite e deve continuare. Il presidente Vladimir Putin ha iniziato questa guerra e potrebbe mettervi fine oggi, ma l'Ucraina non ha questa opzione. Arrendersi non è pace. Dobbiamo continuare a rafforzare Kiev, per dimostrare a Putin che non otterrà quello che vuole". Così il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, in un punto stampa nella sede della Nato a Bruxelles. Le parole di Stoltenberg, dopo quelle pronunciate ieri dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky, sembrano fare riferimento alle dichiarazioni rilasciate da Papa Francesco alla Radiotelevisione svizzera e inizialmente interpretate, da Kiev, come un 'invito' alla resa. Il presidente russo, continua Stoltenberg, "non otterrà quello che vuole sul campo di battaglia. Deve sedersi e negoziare una soluzione per cui l'Ucraina venga riconosciuta e prevalga come nazione sovrana e indipendente". Intanto le forze russe hanno lanciato nella notte un massiccio attacco di droni contro la città di Odessa, causando danni alle infrastrutture e alle case. Lo ha riferito il Comando operativo meridionale dell'Ucraina. Le unità di difesa aerea sono state al lavoro per un'ora e mezza, respingendo ondate di droni Shahed che si avvicinavano alla città dal Mar Nero. La difesa aerea ucraina ha abbattuto 10 uav, hanno aggiunto i militari. Secondo le prime informazioni non ci sarebbero vittime. L'attacco ha provocato un incendio, spento dai soccorritori, e ha danneggiato anche gli edifici amministrativi della città e ha fracassato le finestre di diverse case. I detriti dei droni caduti hanno danneggiato gli edifici vicini.
 Il rappresentante permanente dell'Ucraina presso le Nazioni Unite, Sergiy Kyslytsya, ha dichiarato l'8 marzo che la Russia sta cercando di interrompere il corridoio marittimo dell'Ucraina effettuando continui attacchi a Odessa. Un attacco missilistico russo sulla città il 6 marzo ha ucciso cinque persone. L'attacco è coinciso con la visita congiunta del presidente Zelensky e del primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis. La Russia ha perso 424.980 soldati in Ucraina dall’inizio della guerra, il 24 febbraio 2022. Lo ha riferito lo Stato maggiore delle forze armate ucraine l’11 marzo. Questo numero comprende 920 vittime delle forze russe subite nell'ultimo giorno. Secondo il rapporto, la Russia ha perso anche 6.739 carri armati, 12.874 veicoli corazzati da combattimento, 13.826 veicoli e serbatoi di carburante, 10.499 sistemi di artiglieria, 1.016 sistemi di razzi a lancio multiplo, 711 sistemi di difesa aerea, 347 aerei, 325 elicotteri, 8.141 droni, 26 imbarcazioni e un sottomarino.  —internazionale/[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 11-03-2024


Oscar 2024, ‘What Was I Made For?’ di Billie Eilish Miglior Canzone originale

Portogallo vira a destra, vittoria di misura per Alleanza Democratica