Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) –
Dopo aver bocciato l'idea della conferenza di pace in Svizzera, il Cremlino propone di riprendere l'intesa negoziata a Istanbul poco dopo lo scoppio della guerra e farne la base per una futura soluzione del conflitto in Ucraina. L'accordo negoziato in Turchia potrebbe servire da base per nuovi negoziati, ha dichiarato il portavoce Dmitry Peskov, citato dall'Interfax. "Nuovi territori sono ora iscritti nella nostra costituzione, cosa che non era due anni fa".  Alla fine del mese di marzo del 2022, a circa un mese dall'invasione russa dell'Ucraina, negoziatori dei due Paesi si riunirono in Turchia e raggiunsero un accordo provvisorio per mettere fine alle ostilità. L'intesa non fu mai attuata. Alla conferenza di pace sull'Ucraina si terrà in Svizzera il 15 e 16 giugno, nel Burgenstock resort di Lucerna, la Russia non sarà presente presente, ha annunciato il governo svizzero. "Il primo Paese con il quale abbiamo parlato, dopo naturalmente l'Ucraina, è stato la Russia, perché non ci può essere un processo di pace senza la Russia, anche se non ci sarà a questo primo incontro", ha chiarito però il ministro degli Esteri svizzero Ignazio Cassis facendo intendere la volontà di un coinvolgimento di Mosca in una seconda fase dei negoziati.  Ipotesi però assolutamente rispedita al mittente dal Cremlino secondo cui la conferenza di pace prevista in Svizzera è destinata a fallire senza la partecipazione della Russia, come affermato ieri dal presidente russo Vladimir Putin durante un colloquio con il suo omologo bielorusso Alexander Lukashenko. "Non abbiamo mai rinunciato alla soluzione pacifica delle controversie. Anzi, siamo stati inclini a fare proprio questo", ha sottolineato Putin anticipando che se necessario si rivolgerà a Lukashenko per proseguire le consultazioni sul processo di pace tornando al progetto di Trattato di Istanbul. Lukashenko ha osservato che questo accordo contiene posizioni ragionevoli e accettabili per l'Ucraina. A ribadire che la conferenza di pace prevista in Svizzera a giugno è "una strada verso il nulla" è stato oggi il capo della diplomazia di Mosca, Sergei Lavrov. "Il fatto che questa sia una strada verso il nulla, per usare un eufemismo, è evidente a qualsiasi osservatore politico. Non vediamo alcun desiderio né da Kiev né da parte dei suoi alleati, di trattare onestamente", ha detto Lavrov, che ha preso parte a un vertice dei ministri degli Esteri della Comunità degli Stati Indipendenti.  
"Non ci inviteranno, hanno semplicemente detto che prima dovevano dare alla Russia un ultimatum collettivo. Questo annulla ogni possibilità di successo di questa iniziativa svizzera", ha sottolineato il diplomatico russo, secondo quanto riportato dalla Tass. —internazionale/[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 12-04-2024


Sanità, D’Angelo (Inps): “Fse grande occasione per nuovi servizi”

A1, camion si ribalta e va a fuoco: lunghe code e autostrada chiusa