Non è raro che la tua banca contatti i propri clienti. Spesso, però, ci si trova di fronte ad e-mail e telefonate da parte di truffatori.

Le truffe bancarie sono sempre più frequenti nel nostro mondo, sempre più digitalizzato ed esposto ai pericoli derivanti dalle attività di loschi individui che provano a sfruttare la fiducia che proviamo nei confronti del nostro istituto bancario per spillarci denaro. Ecco come riconoscerle ed evitarle.

Truffe bancarie, quelle più comuni

Forse la truffa bancaria più comune è quella di far trasferire denaro dal proprio conto. In questo caso, si riceve una telefonata che – pare – provenire dalla nostra banca che ci avverte di un problema con il nostro account. Normalmente si tratta di qualcosa legato alla sicurezza, ad esempio ci viene detto che qualcuno sta accedendo al nostro conto illegalmente o che ci ha rubato l’identità.

La soluzione proposta sarà quella di chiederci di trasferire tutti i soldi in un “conto sicuro” fino a quando il problema non sarà risolto. Il problema è che nessuno sta tentando di accedere al nostro account e, in sostanza, i soldi trasferiti andranno direttamente ai truffatori. Il denaro viene quindi trasferito molto rapidamente su altri conti in tutto il mondo.

Controllo remoto del computer e le altre tipologie di truffe bancarie

Le truffe sui bonifici bancari potrebbero essere le più comuni, ma sono ben lungi dall’essere le uniche. I malintenzionati, infatti, potrebbero provare a prendere il controllo del nostro computer da remoto, dicendoci che c’è un problema con la connessione Internet o che abbiamo un virus.

Uomo al pc collegato alla banca
Uomo al pc collegato alla banca

In realtà, usano questo tempo per installare spyware sul nostro computer e rubare le tue informazioni. Un’altra tattica è dirci che ci è dovuto un rimborso o un risarcimento, ma che ci è stata inviata una somma superiore a quella prevista. Pertanto, ci viene richiesto di restituire la differenza.

Individuare ed evitare truffe telefoniche bancarie

Può essere difficile individuare le truffe telefoniche, ma ci sono alcune cose davvero importanti da sapere per proteggerci dai truffatori. Innanzitutto, le banche non ci chiederanno mai di trasferire denaro in un “conto sicuro”. Semplicemente non succede.

In secondo luogo, le banche non ci chiederanno mai di rivelare informazioni personali, incluso il PIN o le password degli account online. In caso di dubbio, riattacca il telefono e chiama direttamente la tua banca utilizzando il numero della tua carta di credito o di debito. Se c’è davvero un problema, te lo sapranno dire.

Riproduzione riservata © 2022 - EFO

ultimo aggiornamento: 14-07-2022


Fondi comuni di investimento: modalità per investire, rischi e tassazione

Welfare aziendale e fringe benefits 2022: tutte le novità