Direttore: Alessandro Plateroti

La Tari sulla seconda casa deve essere proporzionata alla (minore) produzione di rifiuti.

La Tari (Tassa sui Rifiuti) è un’imposta comunale che viene applicata a tutti i proprietari di immobili, sia che questi risultino ad uso abitativo sia che siano dichiarati per un diverso utilizzo, per poter finanziare i servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Il calcolo della Tari deriva dalla quantità di rifiuti prodotti e dalla tipologia di immobile posseduto. In questo caso ci concentreremo sulla Tari per la seconda casa, analizzando cos’è e come funziona.

La seconda casa è un immobile di proprietà che viene utilizzato come residenza secondaria, quindi come luogo di villeggiatura o come abitazione temporanea. La Tari per la seconda casa è una tassa che viene applicata a tutti coloro che possiedono un immobile di questo tipo e viene calcolata in base ai metri quadrati dell’immobile e alla destinazione d’uso.

I parametri di calcolo e le modalità di pagamento

Per calcolare l’importo della Tari per la seconda casa, il Comune utilizza una serie di parametri, tra i quali la superficie dell’immobile, la destinazione d’uso e il numero di occupanti. Sulla base di queste rilevazioni viene stabilito un coefficiente, il quale viene moltiplicato per la superficie dell’immobile al fine di ottenere l’importo effettivo della tassa (ad esempio, se il coefficiente è di 0,50 euro al metro quadrato e si possiede una seconda casa di 100 metri quadrati, si pagheranno 50 euro di Tari).

La normativa prevede il diritto all’esenzione per la tassa sui rifiuti nei casi in cui le abitazioni risultino disabitate ed inutilizzabili. Tale condizioni deve essere verificabile ed oggettiva: rientrano tra i casi di “inutilizzabilità dell’immobile” la mancanza di collegamenti alla rete elettrica, idrica e fognaria.

consulenza fiscale tributaria

Se le “abitazioni sono tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato e discontinuo”, il Comune può invece prevedere delle riduzioni sulle aliquote.

È importante sottolineare che la Tari per la seconda casa viene calcolata annualmente e deve essere pagata entro una determinata scadenza. In caso di mancato pagamento, si rischia di incorrere in sanzioni e interessi di mora.

Tra le modalità di pagamento consentite vi sono il bonifico bancario, il bollettino postale o il servizio di pagamento online del comune. È possibile richiedere informazioni sulle modalità di pagamento presso l’Ufficio Tributi del Comune di residenza.

La Tari per la seconda casa può subire delle variazioni nel corso degli anni. Il Comune, infatti, può decidere di modificare i coefficienti di calcolo o di introdurre nuove aliquote in base alle esigenze finanziarie e alle politiche ambientali.

In conclusione, la Tari per la seconda casa è una tassa comunale che viene applicata a tutti coloro che possiedono un immobile di questo tipo e viene calcolata in base alla superficie dell’immobile e alla sua destinazione d’uso. La somma di denaro raccolta tramite la riscossione della Tari è utilizzata per finanziare i servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Si ricorda che è importante tenere sempre sotto controllo le scadenze e di assicurarsi di effettuare il pagamento in tempo, onde evitare sanzioni e interessi di mora. Infine, è opportuno mantenersi aggiornati sulle eventuali modifiche normative e sulle nuove aliquote stabilite dal Comune.

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

ultimo aggiornamento: 16-01-2024


Aliquota fiscale: cos’è

Tutti gli strumenti di legge per liberarsi dei debiti