Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – La figlia 17enne di Giovanni Barreca, unica sopravvissuta alla strage di Altavilla (Palermo), è indagata dalla procura dei minori di Palermo per concorso in omicidio. Questa mattina, in conferenza stampa, il procuratore di Termini Imerese Ambrogio Cartosio aveva detto di aver trasmesso gli atti alla procura competente. "La ragazza è stata coinvolta in questa situazione di parossismo religioso – ha detto Cartosio – ha partecipato a una serie di riti che sono state torture sulla madre e sui fratelli". "Giovanni Barreca da anni vive un delirio mistico, dominato da un'accesissima e fanatica religiosità. Questo pesa enormemente sulla famiglia e soprattutto sui suoi figli, i due uccisi nella tragedia, e la terza, Miriam ragazza molto sveglia e intelligente", ha detto ancora Cartosio durante la conferenza stampa. Barreca, 54 anni, ha ucciso la moglie e due figli di 5 e 15 anni e poi ha chiamato il 112. Una terza figlia di 17 anni, Miriam, è riuscita a fuggire. L'uomo si è fatto trovare dai carabinieri nella vicina Casteldaccia, dove è stato arrestato. "La frequentazione dei coniugi Sabrina Fina e Massimo Caradente ha convinto Giovanni Barreca che nella casa ci fosse una presenza demoniaca che si fosse impossessata non solo della casa ma anche dei corpi", ha detto ancora Cartosio aggiungendo: "Si è creata una situazione che ha convinto Barreca e i figli ad adoperarsi per allontanare i demoni dalla casa con torture inflitte alle persone che loro ritenevano possedute dal demonio. Torture inflitte alla madre, Antonella Salamone, e ai figli Kevin ed Emanuel". I due coniugi palermitani "erano presenti nella casa di Altavilla al momento dell'omicidio", ha fatto sapere dal canto suo il sostituto procuratore di Termini Imerese Manfredi Lanza: "Non abbiamo ancora i risultati dell'autopsia e quindi non sappiamo ancora come sono morti Antonella Salamone e i figli Kevin e Emanuel – ha aggiunto Cartosio – Possiamo però dire che la morte è stata causata da comportamenti messi in atto da Giovanni Barreca e dai due coniugi palermitani (Sabrina Fina e Massimo Carandente ndr) che per giorni hanno operato all'interno di quella casa". I riti di esorcismo e le torture nella casa di Altavilla duravano da circa un mese: "Sembra che la partecipazione alle torture – ha aggiunto – sia stata corale, l'unica che mi sento di escludere è la madre". "La situazione ha una deriva molto rapida a partire da gennaio – prosegue Cartosio – quando sulla scena di questa famiglia compare una coppia di palermitani, Sabrina Fina e Massimo Carandente, che vivono anche loro una dedizione religiosa molto particolare che potremmo definire anti satanista".  Cartosio parla di "una terribile tragedia nella quale hanno perso la vita una madre, Antonella Salamone, e i figli Kevin ed Emanuele Barreca. Quando ci siamo trovati sulla scena della tragedia per me è stato uno dei momenti più toccanti della mia vita perché vedere il cadavere di un ragazzo di 15 anni e di un bambino di 5 ridotti in quelle condizioni è stato uno strazio".  "È una vicenda che ha particolarmente colpito dal punto di vista umano e emotivo anche noi carabinieri", ha sottolineato il procuratore di Termini Imerese. La figlia 17enne sopravvissuta "ha dato il suo contributo per conoscere la verità. Quello che posso dire è che non è una ragazza qualunque, non è di una comune intelligenza e di una comune sensibilità", ha detto ancora Cartosio. "Se dietro ai protagonisti di questa vicenda ci sono altri soggetti e scenari? Forse sì, cercheremo di capirlo e speriamo di avere l’appoggio delle altre sedi giudiziarie e delle altre istituzioni per capirlo", ha quindi affermato il procuratore di Termini Imerese parlando di "una tragedia che rappresenta il massimo dell'immaginazione umana. Ci sentiamo di dover dire che è dovuta a un fenomeno molto diffuso: un modo di concepire la religione in maniera distorta, con soggetti che approfittano della debolezza e della vulnerabilità altrui. Facciamo quindi un appello, soprattutto ai giovani, affinché si muovano per fare emergere queste situazioni”.  “Ai ragazzi dico: so che è difficile e complicato fare emergere certe cose ma questa terribile tragedia dimostra che il silenzio alle volte può essere la propria condanna a morte – ha aggiunto – Le strutture della magistratura, delle forze ordine e delle altre istituzioni sono in grado di aiutare efficacemente le vittime di questi reati”. —[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 16-02-2024


Antitrust, multa a Servizio Energetico Italiano: “Ha attivato contratti non richiesti”

Ascolti tv, ‘Doc – Nelle tue mani’ vince prime time giovedì 15 febbraio