Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – Jannik Sinner supera il primo turno del torneo Atp di Rotterdam. L'azzurro 22enne, numero 1 del tabellone, al primo match dopo il trionfo agli Australian Open sconfigge l'olandese Botic Van De Zandschulp per 6-3, 6-3 in 1h26'. Sinner, all'undicesima vittoria di fila tra la fine del 2023 e l'inizio del 2024, affronta ora il francese Gael Monfils per compiere un altro passo verso il terzo posto nel ranking Atp. L'altoatesino, attualmente numero 4 in classifica, con il trionfo nel torneo indoor olandese può conquistare il gradino più basso del podio scavalcando il russo Daniil Medvedev, assente a Rotterdam dove ha trionfato un anno fa. Contro Van De Zandschulp, l'azzurro è in totale controllo del match grazie all'88% di punti conquistati sulla prima palla. L'unico momento critico arriva nel primo game del secondo set, quando Sinner recupera da 0-40 e annulla le uniche 3 palle break concesse al rivale. "Ho lavorato molto a Monaco ma volevo venire qui e sentire il campo. Sono felice di aver ottenuto la prima vittoria contro un ottimo giocatore. E' un po' diverso scendere in campo" da vincitore di uno Slam, "bisogna prepararsi al fatto che gli avversari sanno tutto di te, compresi i punti deboli. Bisogna lavorare e essere pronti". E ora bisogna essere pronti alla sfida con Monfils, uno dei veterani del circuito: "Gael è un avversario molto insidioso, a prescindere dalla superficie e da dove si giochi. Sarà sicuramente il favorito del pubblico, ma bisogna accettarlo: fa parte del gioco", dice preparandosi al consueto show che il transalpino sa offrire per coinvolgere gli spettatori. "Quando lo affronto, sono sempre partite toste".  —[email protected] (Web Info)

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 14-02-2024


Covid, da Camera ok a Commissione d’inchiesta dopo bagarre

Bologna-Fiorentina 2-0: decidono Orsolini e Odgaard