Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) –
La ceca Ester Ledecka si prende il superG conclusivo di Saalbach, che rappresenta la sua quarta vittoria in carriera nello sci alpino (2 discese e 2 superG). Il suo tempo di 1’15″94 risulta irraggiungibile per chiunque, compresa Federica Brignone, l’atleta che le si avvicina di più per cogliere il podio numero 69 della carriera e raggiungere Gustavo Thoeni, nella speciale classifica. Federica è seconda con 28 centesimi di svantaggio. Terzo posto per la norvegese Kaisa Lie, a 30 centesimi dalla Ledecka. Marta Bassino chiude al nono posto con 80 centesimi di svantaggio, mentre è 11/a Laura Pirovano a 83. Più attardata Roberta Melesi a 1″67. 
Lara Gut- Behrami, con il settimo posto odierno, mette in cassaforte anche la Coppa di superG, dopo l’assoluta e quella di gigante. Brignone ha provato il recupero in extremis, che si è però fermato a 30 punti dall’elvetica in specialità, aggiornando però il record di punti per un’italiana: 1552. "Oggi la neve era fin troppo morbida. Io sono ancora meglio, quando è trasformata. Oggi velocità ce n’era, perché era praticamente tutta dritta, ma non pensavo di fare una prestazione di questo livello, perché pensavo di non riuscire a fare la differenza. Sono soddisfatta del risultato", ha affermato Brignone. "Non ho da recriminarmi niente per questa stagione. Per quanto riguarda la Coppa, io sono convinta che Lara avrebbe vinto la Coppa anche se ci fosse stata Shiffrin in gara. Io ho dovuto fare un po’ di concorrenza a Lara, perché altrimenti ce l’avrebbe avuta troppo facile! Scherzi a parte, so che quando sto bene posso essere pericolosa, come ho dimostrato in questo finale di stagione. Quando finisce, però, si resetta tutto e si riparte da capo verso la prossima. Domani cercherò di fare un bel risultato anche in discesa", ha aggiunto.  —[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 22-03-2024


Nuovo incidente sul lavoro, operaio morto schiacciato a Sondrio

Ucraina-Russia, la mossa diplomatica della Cina: una conferenza di pace in Svizzera