Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – "La Russia è il principale obiettivo delle politiche aggressive della Nato" che "usa l'Ucraina come strumento" per attuarle, ha dichiarato in una intervista alla Tass la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova citando "come prova" le parole pronunciate mercoledì dal Segretario generale dell'Alleanza atlantica, Jens Stoltenberg, con l
a richiesta agli alleati di più impegno a lungo termine e meno offerte a breve sul fronte degli aiuti a Kiev. Zakharova ha quindi anticipato che, in seguito al completamento dell'inchiesta sull'attentato del Crocus, Mosca "trarrà le conclusioni politiche appropriate".  Dallo scorso 22 marzo, la Russia ha intensificato le accuse di terrorismo rivolte all'Ucraina, lasciando intendere una responsabilità di Kiev e dei suoi alleati sull'attentato alla sala da concerto di Krasnogorsk, rivendicato dall'Isis-K e costato la vita ad almeno 145 persone, con altre 551 ferite. Come ha fatto anche oggi il ministro degli Esteri, Sergei Lavrov, azioni come l'esplosione contro il ponte di Crimea o le azioni contro le raffinerie sono associati all'attentato del Crocus.  Il teorema di Mosca fatica a decollare appesantito come da un costrutto di insinuazioni. Che hanno origine nella necessità di mascherare il flop dei servizi di sicurezza nell'evitare l'attentato, forse sono il segno di una spaccatura in seno al regime e che possono comunque essere usate per accompagnare una escalation delle operazioni militari.  An Naba, bollettino settimanale associato all'Is pubblicato su Telegram, ha accusato le autorità russe di aver cercato di mascherare il fallimento a fermare l'attacco di Krasnogork, attribuendone la responsabilità ai loro nemici in Occidente. Da questo nasce l'artificiosa spiegazione di Mosca secondo cui gli esecutori, i quattro assalitori di origine tagica arrestati poche ore dopo l'attentato vicino al confine con la Bielorussia, credevano di agire per l'Is ma in realtà chi ha dato loro istruzioni su Telegram è un agente dei servizi ucraini. E se Kiev poi non ha davvero organizzato l'attacco, ha almeno pianificato di accogliere gli assalitori come "eroi" dopo aver predisposto una "finestra al confine" per loro, dopo averne finanziato l'operazione.  La propaganda di Mosca sembra aver preso in prestito la narrativa messa in piedi dal regime di Emomali Rahmon in Tagikistan, suggerisce Meduza, dopo che il 29 luglio del 2018 vicino a Danghara, città natale del Presidente, sono stati uccisi su una strada di montagna quattro ciclisti stranieri (due americani, un olandese e uno svizzero). Un attentato rivendicato due giorni dopo dall'Isis con un video, pubblicato dall'agenzia di stampa Amaq, con cinque attentatori seduti di fronte alla diga di Nurek, in Tagikistan che parlano della loro affiliazione all'Is.  Il Procuratore generale a Dushanbe aveva comunque parlato da subito dell'Is usato come "copertura", indicando nel Partito della rinascita islamica del Tagikistan, partito all'opposizione e bandito dal 2015 come gruppo estremista, la responsabilità per l'attentato, con il sostegno delle forze speciali iraniane, laddove l'Iran è per il Tagikistan quello che l'Ucraina è per la Russia, un fratello di diversa struttura politica.  Le prove? La confessione dell'unico assalitore sopravvissuto a un raid delle forze di sicurezza. Confessione che, malgrado le torture manifeste sui sospetti, non sembra neanche esserci stata a Mosca dopo il 22 marzo.   —internazionale/[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 05-04-2024


Ucraina, Kuleba chiede missili Patriot e la Nato lavora a fondo da 100 miliardi

Ucraina, Russia preme: i due scenari per la Nato