La revisione contabile è un processo di verifica delle dichiarazioni e del bilancio di un’azienda. Scopriamo come funziona e come può rafforzare la reputazione anche delle società più piccole.

La revisione contabile, autentico spauracchio di quasi tutte le imprese, altro non è che una verifica delle dichiarazioni e dei bilanci, che può anche avere risvolti positivi. Infatti se eseguita nel modo corretto, una revisione contabile può dare come risultato una certificazione relativa all’azienda e ai suoi bilanci. La certificazione, nota ovviamente come certificazione di bilancio, può far figurare un’impresa come più solida e trasparente, aspetti che sicuramente non vanno mai dimenticati. Questa procedura si articola su diverse fasi e può essere portata a termine solo da alcuni soggetti. In generale la revisione contabile può essere eseguita da un revisore contabile, ovvero un professionista del settore, o una società di revisione. Scopriamo quindi cos’è, chi può eseguirla e come bisogna procedere per effettuare una corretta revisione contabile.

Revisione contabile: cos’è

Come abbiamo anticipato la revisione contabile è una procedura estremamente diffusa e semplice, finalizzata a controllare dichiarazioni e bilanci di un’azienda. Per sua natura, questa verifica incute un discreto timore a molte aziende, ma in realtà è una procedura in uso ormai da molto tempo, e che può anche accrescere il prestigio di una società. Ovviamente perché questo accada è necessario fare tutto secondo le regole, ma andiamo con ordine.

Revisore Contabile
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/audit-ispezione-esame-contabilit%C3%A0-4189560/

Quando parliamo di revisione contabile ci riferiamo a una certificazione che si limita ad affermare se il bilancio indicato da un’azienda contenga o meno degli errori significativi. Per fare questo è necessaria una lunga e approfondita analisi del bilancio dell’azienda stessa e della sua relazione di gestione. In ogni caso però non tutte le società devono sottoporsi alla revisione contabile, e tra queste possiamo trovare aziende di grosse dimensioni e con bilanci piuttosto consistenti, come ad esempio le multinazionali.

Le fasi della revisione contabile

Chiarito cosa sia una revisione contabile, cerchiamo di capire come funziona. La prima cosa da sapere è che una verifica del bilancio si struttura su quattro fasi diverse e ben distinte. Ogni revisore contabile, o auditor, deve attenersi a queste importanti normative, che gli permettono di eseguire un controllo accurato. Questi quattro pilastri fondamentali sono analisi dell’attività, pianificazione della revisione, esecuzione del controllo e giudizio finale. Chiaramente ognuna di queste fasi comprende precise attività che andremo ad approfondire.

L’analisi preliminare è forse il passaggio più importante di una buona revisione contabile, perché permette all’auditor di conoscere il core business dell’azienda, il metodo di lavoro e i rischi che affronta esercitando la sua attività. Proprio il rischio assume un carattere importante in questa lunga procedura e si può distinguere in rischio intrinseco, che si riferisce a fattori esterni all’azienda e al revisore, e di controllo. Quest’ultimo è relativo alla mancata rilevazione di eventuali errori nelle procedure aziendali. Considerati questi aspetti si può passare alla pianificazione dell’analisi, momento in cui appunto i andrà a programmare la revisione contabile stessa. Infine prende il via il controllo vero e proprio del bilancio, che però verrò effettuato in base alle verifiche di controllo interno, di fattibilità e delle analisi comparative.

I rischi della revisione contabile

Ma se abbiamo detto che la revisione contabile può avere risvolti positivi sull’azienda o sull’impresa, quali rischi potrebbero esserci? In realtà con il termine rischio, in questo caso, si va a indicare l’eventuale rischio di dare un giudizio sbagliato sul bilancio aziendale. Questo fattore comprende quindi il rischio di dare un giudizio sbagliato a un bilancio corretto o, al contrario, giudicare bene un bilancio sbagliato. Quindi prima di partire con la revisione si rende necessario il calcolo dell’entità del rischio, considerato in ogni suo aspetto. Quando anche questi fattori saranno stati considerati, si passa a una valutazione percentuale per capire se la stima rientra nel range di tolleranza. Solo quando la percentuale risulta corretta si potrà procedere con la revisione contabile vera e propria.

Revisore contabile: cosa controlla

Abbiamo visto cos’è una revisione contabile e quali siano le fasi che compongono questa lunga verifica, ma cosa controlla esattamente un revisore contabile? Infatti, al fianco delle società di revisione, possiamo trovare i revisori contabili e cioè dei professionisti esperti in contabilità e che il più delle volte appartengono al settore legale. Infatti questi professionisti, per poter esercitare, devono essere iscritti all’albo dei Revisori Legali.

cashback e pagamenti digitali
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/azionario-iphone-business-mobile-624712/

Tornando a quello di cui si occupa, possiamo dire che eseguirà una revisione della contabilità e controllerà le scritture contabili, interne ed esterne, di diverse tipologie di aziende. Tra queste possiamo trovare società di capitali, no profit, imprese private, ma anche enti pubblici. Possiamo dunque dire che il lavoro del revisore si concentrerà solo su una parte dell’operato dell’azienda, così da poter essere più preciso e approfondito.

Perché fare una revisione contabile?

La revisione contabile è quindi un processo abbastanza lungo che richiede precisione, approfondimento e conoscenza del settore. Perciò perché sottoporsi a questa procedura? La risposta è abbastanza semplice, ed è stata anticipata nei paragrafi precedenti. La revisione contabile serve a dimostrare la serietà e la trasparenza di un’azienda a tutti quegli individui che possono contribuire alla sua crescita e al suo consolidamento. Insomma renderà l’azienda più solida a gli occhi del pubblico, degli investitori e soprattutto degli stakeholder. Quindi far eseguire una revisione contabile alla propria società e ottenere la certificazione relativa al reddito, aumenta l’autorevolezza dell’azienda, anche se si tratta di un piccola azienda. Questo perché dimostra la volontà di trasparenza e correttezza della società.

Cosa fa una società di revisione?

Esattamente come nel caso dei revisori contabili, quando parliamo di società di revisione, abbiamo a che fare con intere società che forniscono servizi di revisione ad aziende e imprese. Bisogna dire però che, rispetto al lavoro dei singoli revisori, quello portato avanti dalle società di revisione è sicuramente più veloce, efficacie e approfondito. Questo perché le società di questo tipo riescono a processare molti dati e quindi ridurre drasticamente i tempi di verifica. Spesso le società di revisione hanno nel proprio paniere di servizi anche interventi Audit o di consulenza finanziaria, che contribuiscono a rendere l’assistenza più completa.

Fonte foto di copertina: https://pixabay.com/it/photos/audit-ispezione-esame-contabilit%C3%A0-4189560/


StartUp, quali sono i requisiti per richiedere i contributi a Fondo perduto?

Bonus auto con ISEE, come funziona e come si richiede l’incentivo compreso in Legge di Bilancio