Negli ultimi tempi si è sentito tanto parlare di smart working: introdotto come sistema emergenziale per limitare i contatti con le altre persone durante i periodi più duri della pandemia, si è rivelata una soluzione affidabile ed efficace, che ha dato maggiore flessibilità ai lavoratori, ma senza pregiudicarne la produttività.

Ma il lavoro da casa non è di certo una novità e l’aumento delle figure che lavorano nel campo delle professioni digitali l’ha reso sempre più diffuso.

Le opportunità al giorno d’oggi sono tante: molti italiani sono riusciti a trasformare la loro principale passione in un mestiere proprio grazie al lavoro da casa. Attenzione, si sta parlando di lavori seri e remunerati! Alcune di queste professioni richiedono competenze di alto livello o investimenti importanti, ma ce ne son anche altre che sono alla portata di tutti, se portate avanti con il giusto impegno.

computer

La crescita delle professioni digitali

Oggi, lavorare seriamente da casa è possibile grazie alla crescita delle professioni digitali. Tra queste, una che suscita l’interesse di un numero sempre maggiore di utenti è quella del trader. Negli ultimi anni, infatti, il trading online ha raggiunto una popolarità tale da coinvolgere non solo gli esperti del settore ma anche i piccoli risparmiatori che cercano un modo per provare ad incrementare il proprio capitale.

Infatti, c’è chi svolge questa attività solo per hobby o per arrotondare un po’, ma c’è anche chi ne ha fatto il suo vero e unico lavoro. Il trading online potrebbe infatti aiutare ad ottenere dei guadagni, a patto di avere le giuste competenze, tanto tempo a disposizione e molto impegno. Ma non c’è spazio per le illusioni: chi pensa di diventare ricco facilmente è fuori strada. Qualche soddisfazione però è possibile togliersela, soprattutto adesso che ci sono strumenti come il Copy Trading.

Lavorare da casa nel campo della comunicazione online

Un’altra professione digitale di cui si sente parlare sempre più spesso è quella del Data Entry, ovvero l’inserimento dei dati. Si tratta di un lavoro che non richiede particolare esperienza, ma servono precisione, serietà e velocità per riuscire a farsi apprezzare e crearsi un “giro di clienti” tramite le apposite piattaforme ed i siti di annunci. Il web è diventato un elemento fondamentale, quindi le aziende sono sempre più attente alla loro comunicazione in rete.

Per questo si affidano a professionisti della comunicazione che possono lavorare anche da casa: parliamo di figure come il copywriter, che è la persona che si occupa della stesura di testi, ed il social media manager, ovvero la figura che si occupa della gestione professionale dei profili social di un’attività. Si tratta di lavori che richiedono delle competenze molto specifiche, quindi è impensabile improvvisarsi professionisti di questo settore.

Altri lavori digitali e manuali che si possono fare da casa

Molti la confondono con quella del copywriter, ma la figura del blogger ha delle caratteristiche tutte sue. Il suo compito infatti è quello di gestire uno o più siti internet su cui dovrà pubblicare articoli e post, con l’obiettivo di creare interazioni con e tra i lettori. Non è semplice fare strada in questo campo, vista l’enorme concorrenza: gli investimenti iniziali sono contenuti, ma per emergere e vivere di blogging è necessario avere competenze di alto livello.

Tra le altre professioni digitali che si possono fare adesso è possibile menzionare anche quella del call center da casa, quella del traduttore online, quella dell’affiliate marketing o quella del grafico, ma si può lavorare a casa anche facendo mestieri meno digitali e più “manuali”. Gli esempi più frequenti sono la realizzazione di oggetti artigianali, il dog sitting, le riparazioni sartoriali e così via. Per svolgere al meglio tutti questi mestieri è necessario preparare l’ambiente in modo adeguato, gestire i tempi in modo corretto e ridurre al minimo le distrazioni che in casa possono sempre esserci.

Riproduzione riservata © 2022 - EFO

ultimo aggiornamento: 15-05-2022


La piattaforma FXORO per il trading online

Concorsi pubblici e assunzioni nella PA: cosa cambia con il decreto Pnrr