Il prezzo del petrolio è tornato a scendere e con lui anche le quotazioni del WTI e del Brent. L’andamento però non è affatto sicuro, visti anche i timori del mercato.

L’inizio di questa settimana ha visto molti indici in ribasso, primo tra tutti il prezzo del petrolio che è tornato a scendere. Il suo andamento negativo è dovuto anche ai timori del mercato che si aspettano una seconda ondata di contagi.

Va detto però che il tonfo registrato non è paragonabile a quello delle settimane precedenti. In quei giorni infatti il prezzo del petrolio ha subito flessioni a doppia cifra percentuale.

Questo calo ha portato nuovi interrogativi, soprattutto per quanto riguarda le condizioni stesse del mercato e i motivi della titubanza degli investitori. Cosa sta succedendo quindi al prezzo del petrolio?

Differenza tra Brent e WTI

Come abbiamo detto il prezzo del petrolio è in calo, e con lui sono scesi anche gli indici Brent e WTI. Per avere un quadro più chiaro vediamo di capire quali sono le differenze tra queste due quotazioni di mercato. Nello specifico il petrolio:

  • Brent è quello estratto nel Mare del Nord, è il riferimento mondiale per il mercato del greggio e ne determina il 60% dei prezzi. Il Petrolio Brent è derivato da una miscela di diversi tipi di combustibile fossile. È meno pregiato ma, visto che è prodotto vicino al mare i suoi costi di trasporto sono inferiori.
  • WTI è detto anche West Texas Intermediate per la sua provenienza e rapresenta il parametro fondamentale per i contratti scambiati al NYMEX. È un petrolio più pregiato, con un apporto minore di zolfo e di densità rispetto all’acqua. Visto che viene estratto più lontano dal mare però i costi di produzione sono più elevati e possono ripercuotersi sul prezzo del petrolio al barile.
Pompa petrolifera in funzione
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/presa-della-pompa-848300/

Questi due indici, normalmente fondamentali, incido molto sul prezzo del petrolio e sono una spia importante dell’andamento del mercato.

L’andamento del prezzo del petrolio

La maggioranza degli osservatori di mercato sostiene che il calo del prezzo del petrolio, e degli indici WTI e Brent, sia dovuto alle preoccupazioni per l’eccesso di offerta.

La troppa offerta è determinata proprio dall’emergenza Coronavirus e, più nello specifico, da una possibile seconda ondata di infezioni nel nord-est della Cina e nella Corea del Sud. Questa circostanza ha reso ancor più difficile la situazione già complessa, aggravando la condizione degli investitori e spingendoli a reagire.

Molti infatti credono che la domanda, scesa in tutto il mondo del 30%, rimarrà bassa e debole anche durante il 2021. Bisogna però ricordare che la situazione del mercato è ancora troppo sbilanciata e non si può avere certezze sul futuro prezzo del petrolio.

Inoltre non è ancora chiaro dove gli USA metteranno le scorte di petrolio in loro possesso. In generale però le persone sono rimaste sorprese dalla velocità di riduzione dei produttori USA, finalizzata a supportare i prezzi.

Però al momento il prezzo del petrolio Brent e la quotazione del WTI stanno perdendo più dell’1%, rispettivamente su quota $30,5 e $24,5.

Fonte foto:
https://pixabay.com/it/photos/presa-della-pompa-848300/

TAG:
coronavirus vetrina

ultimo aggiornamento: 12-05-2020


Ritorno a scuola, in tre comuni del Piemonte gli alunni torneranno in classe

Fondo di Investimento Europeo: 8 miliardi per presente e futuro delle PMI