Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – "Ero ingenua, ma avevo immaginato che sarei stata io ad annunciare la morte di mio marito, Paul Auster". Inizia così il post pubblicato da Siri Hustvedt, moglie dello scrittore americano deceduto a 77 anni. "È morto a casa, in una stanza che amava, la biblioteca, una stanza con libri su ogni parete dal pavimento al soffitto, ma anche con alte finestre che lasciavano entrare la luce – scrive ancora – È morto con noi, la sua famiglia, intorno a lui il 30 aprile 2024 alle 18:58". "Qualche tempo dopo, ho scoperto che prima ancora che il suo corpo fosse portato via da casa nostra, la notizia della sua morte circolava sui media e i necrologi erano stati pubblicati – sottolinea – Né io, né nostra figlia Sophie, né nostro genero Spencer, né le mie sorelle, che Paul amava come se fossero sue sorelle e che hanno assistito alla sua morte, abbiamo avuto il tempo di elaborare la nostra grave perdita. Nessuno di noi ha potuto chiamare o mandare un'e-mail alle persone a noi care prima che iniziassero le grida online. Siamo stati privati di questa dignità. Non conosco la storia completa di quanto è accaduto, ma so questo: È sbagliato". "Paul non ha mai lasciato Cancerland (il Paese del Cancro). Dopo il fallimento dei trattamenti, il suo oncologo gli propose una chemioterapia palliativa, ma lui rifiutò e chiese l'hospice a casa", afferma ancora Siri Hustvedt che aggiunge: "Ne aveva avuto abbastanza. Ma non mostrò mai, né con le parole né con i gesti, un segno di autocommiserazione. Il suo coraggio stoico e il suo umorismo fino alla fine della sua vita sono un esempio per me. Ha detto più volte che gli sarebbe piaciuto morire raccontando una barzelletta. Gli ho detto che era improbabile, e lui ha sorriso". "Mio marito non possedeva un computer. Scriveva a mano e batteva i suoi manoscritti su una macchina da scrivere Olympia. Negli ultimi giorni della sua vita, scriveva lettere a nostro nipote Miles. La sua minuscola calligrafia traballava a causa di un tremore causato dalle cure, ma ha scritto quelle lettere fino a quando non ha perso tutte le forze. La nostra assistente e cara amica Jen Dougherty ha decifrato i testi dopo che li avevo fotografati e li ha battuti a macchina per lui. Voleva che fosse il suo ultimo libro. In un sussulto di determinazione, è riuscito a finire una lettera e a completare il suo testo, ma il manoscritto non è lungo. Con quella lettera è finita la sua vita di scrittore", conclude". —[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 03-05-2024


Maltempo in Brasile, sono oltre 30 i morti dopo crollo diga

“Antivirali, vaccini e vigile attesa”, così ci si prepara a rischio pandemia aviaria