OMC: l’Organizzazione Mondiale del Commercio

OMC: l’Organizzazione Mondiale del Commercio

Roberto Azevedo, direttore generale dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), ha sorpreso il mondo dando le dimissioni. Vediamo insieme cosa è l’OMC.

L’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), in inglese World Trade Organization (WTO), è un’organizzazione internazionale creata con lo scopo di promuovere il commercio internazionale permettendogli di funzionare senza intoppi, liberamente e prevedibilmente. Fondata il 1 gennaio 1995, l’OMC ha sede a Ginevra, in Svizzera.

L’organizzazione gestisce un budget annuale, fornito dai paesi membri, che nel 2018 era costituito da 197 milioni di franchi svizzeri. La compongono 164 paesi membri, che rappresentano il 98% del commercio globale. Attualmente, altri 22 paesi stanno negoziando il loro ingresso nell’organizzazione. 

Funzioni e principi

Le funzioni dell’OMC sono esclusivamente di ambito commerciale e possono essere così riassunte: amministrare accordi, essere un forum per le negoziazioni, risolvere dispute, revisionare le politiche commerciali nazionali, sviluppare la capacità commerciale delle economie in via di sviluppo, cooperare con le altre organizzazioni internazionali. 

L’OMC segue cinque principi fondamentali. Il primo è il principio di non discriminazione, che ha due componenti principali: la regola della “nazione maggiormente favorita”, secondo la quale ogni membro è obbligato a trattare i partner commerciali come tratta la “nazione maggiormente favorita”; e la regola del “trattamento nazionale”, che impone che i beni importati, una volta che hanno avuto accesso al mercato, vengano trattati come i beni locali.

Seguono il principio di reciprocità (la liberalizzazione dei mercati non può essere unilaterale), di accordi vincolanti e applicabili per legge e di trasparenza. Infine, il rispetto della salute e della sicurezza (i paesi membri possono prendere misure per proteggere l’ambiente e la salute pubblica, animale e dell’ecosistema).

Trade
Fonte foto: https://pixabay.com/illustrations/trend-curve-hand-presentation-euro-1445464/

La struttura dell’OMC

Le decisioni vengono prese all’unanimità, quindi con il consenso di tutti i paesi membri. L’OMC ha predisposto la possibilità di un voto di maggioranza, alternativa che non è mai stata utilizzata. Gli accordi OMC vengono poi ratificati dai parlamenti dei paesi membri. 

L’organo decisionale più importante dell’OMC è la Conferenza Ministeriale, che si ritrova ogni due anni. L’indirizzo operativo è dato dal Consiglio Generale (composto da ambasciatori e capi delegazione), che si riunisce diverse volte all’anno nel quartiere generale di Ginevra. Il Consiglio Generale si riunisce anche in quanto organo di revisione della politica commerciale e organo di risoluzione delle controversie.

Ad un ulteriore livello troviamo il Consiglio per le Merci, il Consiglio per i Servizi ed il Consiglio per la Proprietà Intellettuale, che rispondono al Consiglio Generale. Inoltre, numerosi comitati e gruppi di lavoro specializzati (per esempio in materie di ambiente o di sviluppo economico) si occupano dei singoli accordi. 

Fonte foto: https://www.wto.org, https://pixabay.com/illustrations/trend-curve-hand-presentation-euro-1445464/

Ultimo aggiornamento: 22-05-2020