Entra in vigore il nuovo DPCM Draghi che introduce regole e divieti, su tutto il territorio nazionale, per bloccare l’avanzata del Covid. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Il Nuovo DPCM Draghi, che sarà valido fino a inizio aprile, comprende una serie di provvedimenti per le zone italiane più a rischio. Questa misura, che si somma al Decreto Covid emanato da Draghi a inizio legislatura, manterrà la separazione dell’Italia in zone ma introduce altre novità. Alcune di queste sono la zona bianca, le zone rafforzate e nuove disposizioni su spostamenti e chiusura delle scuole. Vediamo quindi cosa cambierà da qui a un mese e come bisogna comportarsi.

Nuovo DPCM Draghi: novità sulle zone

Con l’entrata in vigore del nuovo DPCM Draghi vengono introdotte alcune novità rispetto alle fasce di colore in cui è divisa l’Italia. Infatti alle tre zone regionali si aggiunge la zona bianca, ovvero contraddistinta da un indice di rischio estremamente basso. Nel nostro paese l’unico territorio di questo colore è la Sardegna.

decreto ristori quattro
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/brescia-italia-virus-febbre-4931093/

Per quanto riguarda le altre Regioni possiamo dire che oltre alla normale tripartizione rimane la possibilità per i Governatori di introdurre fasce rafforzate. Con queste ordinanze locali sarà possibile creare delle zone intermedie, come la zona arancione scuro o la gialla scuro, per gestire al meglio contagi e diffusione del virus. In particolare nella zona arancione scuro le scuole resteranno chiuse e non sarà possibile recarsi fuori regione o verso la seconda casa, anche nel caso fosse all’interno della regione.

Nuovo DPCM Draghi: spostamenti e visite

Il nuovo DPCM emanato dal Governo Draghi comprende anche regole sugli spostamenti e sulle visite a parenti e amici. In particolare non si potrà superare il confine regionale almeno fino a fine marzo. Questa prescrizione è valida, non solo per zone rosse e arancioni, ma anche per chi si trova in zona gialla o bianca. Ovviamente continuano a essere permessi gli spostamenti per motivi lavorativi, di salute o urgenza, purché si presenti l’autocertificazione. Gli spostamenti verso le seconde case invece saranno possibili solo se queste si trovano in zone di colore giallo o arancione.

Tuttavia si potrà spostare solo il nucleo familiare e solo se l’abitazione non è abitata da altre persone. Insomma bisognerà dimostrare di essere effettivamente i proprietari dell’immobile almeno dalla metà di gennaio 2021. Al contrario, chi si trova in zona arancione rafforzata o rossa non potrà andare nella seconda casa, anche se questa si trova in fasce con rischio basso o contenuto. Infine sono permesse le visite a parenti e amici, ma solo per due persone adulte e minori fino a 14 anni. Inoltre le visite saranno permesso solo dalle 22 alle 5 e solo in zona gialla o arancione.

Nuovo DPCM Draghi: quarantena e rientri dall’estero

Per finire vediamo di chiarire come bisogna comportarsi se si rientra da paesi esteri. Infatti tutte le persone che si trovano in questa condizione dovranno sottoporsi a tampone, che sia antigenico o molecolare. Va ricordato però che bisognerà effettuare questa verifica nell’arco dei tre giorni che precedono il rientro nel territorio nazionale. Inoltre sarà obbligatorio seguire una quarantena per tutte le persone che provengono da:

  • Giappone
  • Singapore
  • Australia
  • Nuova Zelanda
  • Ruanda
  • Thailandia
  • USA
  • Regno Unito
  • Brasile
  • Austria

Ovviamente il periodo di quarantena fiduciaria dovrà durare almeno 14 giorni e dovrà essere fatto presso la propria abitazione o residenza.

nuovo dpcm draghi
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/ffp2-maschere-corona-covid19-6014040/

Nuovo DPCM Draghi: negozi, servizi e musei

Veniamo adesso alla parte più corposa del nuovo DPCM emanato dal Governo Draghi, ovvero la sezione relativa a negozi e servizi. In particolare possiamo dire che barbieri e parrucchieri rimarranno chiusi nelle zone rosse, mentre potranno esercitare normalmente nelle altre fasce. I centri commerciali invece resteranno chiusi, come anche gli altri negozi nelle gallerie, nei giorni festivi e prefestivi. Fanno ovviamente eccezione farmacie, parafarmacie, tabaccai, edicole e librerie.

Ricordiamo poi che rimane in vigore il servizio di asporto fino alle 18 per i bar e fino alle 22 per ristoranti ed enoteche, mentre continua il divieto di consumare sul posto. Restano invece chiuse palestre, piscine e sale giochi data l’impossibilità di mantenere le distanze. Discorso a parte va fatto per i musei e i cinema. Infatti sarà permesso l’ingresso nei musei solo per le zone gialle, ma solo da lunedì a venerdì, purché venga garantito l’ingresso contingentato e non si creino assembramenti. Infine cinema e musei rimarranno chiusi fino a fine marzo e, solo dopo questa data ci potranno essere allentamenti, anche nelle fasce gialle.

Le novità per la fascia bianca

Il nuovo DPCM Draghi introduce la zona bianca per tutte le Regioni con un livello di rischio basso. In particolare in questi territori dovrà esserci un’incidenza inferiore a 50 casi ogni 100 mila abitanti, per tre settimane consecutive. A oggi l’unica zona bianca è rappresentata dalla Sardegna e qui non vengono più applicate le restrizioni relative alle attività commerciali. Tuttavia restano bloccati tutti gli eventi che possano creare assembramenti, siano essi all’aperto o al chiuso.

Fonte foto di copertina: https://pixabay.com/it/photos/ffp2-maschere-corona-covid19-6014040/
https://pixabay.com/it/photos/brescia-italia-virus-febbre-4931093/

ultimo aggiornamento: 11-03-2021


Il Decreto Sostegno, cos’è e cosa comprende il primo Decreto del Governo Draghi

Passaporto vaccinale, cos’è e come funziona il documento per gli spostamenti interni