Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) –
Medici di famiglia a pagamento. E' la soluzione per tagliare le liste d'attesa che soffocano il Servizio sanitario nazionale anche Oltremanica. Nel Regno Unito, secondo dati recenti del National Health Service (Nhs), un paziente su 20 aspetta almeno un mese per riuscire a farsi visitare da un general practitioner – il Gp, l'equivalente inglese del nostro medico di famiglia – e solo a novembre scorso si contavano oltre 1,5 milioni di appuntamenti per un centro di assistenza medica di base evasi dopo un minimo di 4 settimane dal momento della prenotazione. Ed ecco che a Londra arriva il medico di famiglia a pagamento: a Fulham, nel sud-ovest della metropoli – informa il quotidiano locale gratuito 'The Standard' – apre la sua prima sede Dr Dropin, una piattaforma privata norvegese di medici di base che ha in programma altre 3 aperture nella capitale britannica entro fine anno.  Fondata a Oslo nel 2017, Dr Dropin offre nella sede di Fulham appuntamenti di 15 minuti con un medico di famiglia al prezzo di 79 sterline a persona (poco più di 92 euro), che scendono a 59 (poco meno di 69 euro) per una consulenza virtuale. Si prenota e si fa la visita, senza attese.
 Nel Regno Unito le lunghe attese in sanità hanno portato a un'impennata della domanda di cure mediche private: l'assicurazione sanitaria Vitality ha registrato una percentuale di richieste di assistenza di base decuplicata rispetto al 2015, riporta ancora The Standard. Il quotidiano cita Daniel Sørli, fondatore e Chief Medical Officer di Dr Dropin: "In tutto il Paese – afferma – i pazienti hanno difficoltà a vedere un medico di famiglia di persona e questo sta peggiorando gli esiti sanitari, con diagnosi e terapie mancate o ritardate. Al contempo, anche il morale dei medici è molto basso e tanti sono esausti". Proporre qualcosa che sia "una via di mezzo tra ciò che offre il Nhs e i costosi servizi medici privati esclusivi per i più ricchi" è l'obiettivo di Dr Dropin.  
Il 'modello inglese' è da imitare o respingere? Il medico di famiglia a pagamento "rappresenta un pericolo anche in Italia se non ci saranno correttivi". E la 'ricetta' per evitarlo è, soprattutto, quella di "valorizzare gli operatori sanitari che sono il fulcro del sistema. Dobbiamo ricordare che un medico di medicina generale accessibile, come evidenziano gli studi, fa bene alla salute dei cittadino. Quindi teniamoci stretto il nostro sistema sanitario nazionale pubblico e solidale", dice all'Adnkronos Salute il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici e degli odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, commenta gli sviluppi della situazione a Londra.  "Se noi italiani vogliamo evitare una deriva verso il privato come sta avvenendo in Gran Bretagna, Paese che pure ha inventato il Servizio sanitario nazionale – ricorda Anelli – bisogna puntare sui professionisti e sulla valorizzazione delle competenze. Se questo non avviene, se sempre più si gonfiano liste d'attesa, è chiaro che le persone devono trovare una soluzione al bisogno immediato. Già questo avviene per molte aree sanitarie. La medicina generale rappresenta un'isola dove vengono ancora garantite uguaglianza e gratuità nella stragrande maggioranza dei casi, anche se vediamo già l'accenno di qualche lista di attesa". 
La nostra medicina di famiglia "è un fiore all'occhiello – sottolinea il presidente Fnomceo – anche per la capillarità. Due grandi presidi del Ssn sono le farmacie e i medici di famiglia (e questi ultimi hanno in più la gratuità dell'assistenza), e oggi sono punto di riferimento". Arriveremo anche noi ad avere una medicina di famiglia privata? "Se continuiamo di questo passo", per Anelli "il pericolo c'è. Oggi – osserva – la carenza dei medici di famiglia ha costretto ad aumentare il rapporto ottimale tra numero di assistiti e dottori di fiducia, passati da uno a mille a uno a 1.200. Se questa tendenza dovesse continuare, temo che il rischio privato ci sia. Ma con la medicina generale privata perderemmo soprattutto l'aspetto della prevenzione, che oggi caratterizza il nostro Ssn e che evidenza una visione complessiva della medicina di comunità, non limitata alla singola prestazione. La continuità della cure, inoltre, produce un prolungamento della sopravvivenza. In questo senso il modello di medico di famiglia pubblico fa bene alla salute. Cerchiamo di non perderlo".   —internazionale/[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 26-03-2024


Libri, il francese Thibault Muzergues: “Meloni prima leader post-populista”

Ascolti tv, Lolita Lobosco chiude al 27% di share e trionfa sul Grande Fratello