Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – Questa notte sono stati liberati tre cittadini italiani, Rocco Langone, la moglie Maria Donata Caivano e il figlio Giovanni Langone, che erano stati sequestrati il 19 maggio 2022 nella loro abitazione alla periferia della città di Koutiala, a sud est della capitale del Mali, Bamako, dove vivevano da diversi anni. È un’area particolarmente permeata dalla presenza di miliziani jihadisti; il rapimento era avvenuto da parte di una fazione jihadista riconducibile al JNIM, Gruppo di supporto per l'Islam e i musulmani, allineata con al-Qa'ida, attiva in larga parte dell'Africa Occidentale. La famiglia Langone viveva a Koutiala da diversi anni, all'interno di una comunità di Testimoni di Geova, del tutto integrati. "Il rilascio della famiglia – sottolinea Palazzo Chigi in una nota – è stato reso possibile grazie all’intensa attività avviata dall’Aise, di concerto con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, fin dall’immediatezza del sequestro, e in particolare grazie ai contatti dell'Agenzia con personalità tribali e con i servizi di intelligence locali. Nonostante la lunga prigionia, i componenti della famiglia Langone godono di buone condizioni di salute. Il loro rientro in Italia è previsto per oggi a Roma". La famiglia Langone arriverà alle 15.30 circa all'aeroporto di Ciampino, fa sapere la Farnesina. Ad accogliere la famiglia Langone il vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani. —internazionale/[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 27-02-2024


Morbillo, Bassetti: “Se si accenderà focolaio epidemico sarà difficile contenerlo”

Nei tunnel di Gaza la caccia al leader di Hamas, tra incognita ostaggi e rischio di ‘vittoria diversa’