Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – "Desidero che il grande valore e le grandi capacità dei ragazzi e delle persone con disabilità possano essere messe a disposizione e valorizzate da un evento importante come il G7”. Lo ha detto Alessandra Locatelli, ministro per le Disabilità, in riferimento al ‘G7 Inclusione e Disabilità’ che si svolgerà il 14, 15 e 16 ottobre ad Assisi, dove “sarà presente tutto il mondo associativo con stand dedicati dove il terzo settore e le fondazioni potranno presentare i loro progetti e interconnettersi”.  La ministra è intervenuta durante la terza giornata dei lavori di LetExpo2024, la fiera del trasporto e della logistica sostenibili organizzata da Alis – Associazione Logistica dell'Intermodalità Sostenibile, in collaborazione con Veronafiere. Intervistata insieme a Eugenio Grimaldi, presidente Commissione Alis per il Sociale nell’ambito del panel ‘Let’s talk! – Intervista doppia’, la ministra ha dichiarato: “Il presidente del Consiglio è stato veramente felice di darci questa opportunità ed è una grande sfida, dobbiamo esserne all'altezza. Sarà la prima volta in cui si discuterà di disabilità e di inclusione a così alto livello”. “Vorrei che la giornata del 14 di ottobre, in piazza della Basilica Maggiore di Assisi – ha continuato – possa essere aperta a tutti coloro che vogliono sentirsi parte di un progetto che può dimostrare che l'Italia con le sue difficoltà è un modello di esempio non solo per l'Europa ma per tutto il resto del mondo. Credo che le capacità e i talenti delle persone siano centrali per sviluppare il capitale umano e investire sul futuro, non possiamo lasciare indietro nessuno”.  —[email protected] (Web Info)

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 14-03-2024


Trasforma ceneri del marito in un gioiello, ma il corpo è di un altro: cosa è accaduto

Cannavaro a LetExpo Junior Cup: “Non è facile portare il sociale in fiera di business”