Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – E' polemica a Crema contro la decisione dell'Istituto Munari di far partire dal prossimo anno scolastico una classe del nuovo liceo del Made in Italy, nonostante la maggior parte dei futuri studenti abbiano scelto l'indirizzo economico-sociale, quello già esistente. "A oggi – riferisce all'Adnkronos l'avvocato Luca Avaldi, rappresentante dei genitori nel consiglio d'istituto del Munari – mi risulta che ci sia un solo studente che ha scelto di essere iscritto al liceo Made in Italy e 48 che avrebbero voluto iscriversi all'indirizzo economico-sociale". Il problema nasce quando, nei giorni scorsi, ad alcune delle famiglie dei futuri studenti giunge una lettera dal dirigente scolastico, Pierluigi Tadi, che annunciando l'accettazione della domanda di iscrizione, spiega che "visto il rilevante numero di richieste di iscrizioni presentate per l'indirizzo del 'liceo economico sociale' e al fine di accontentare almeno per quest'anno il maggior numero di famiglie, dopo aver valutato attentamente le esigenze educative dei nostri studenti e le opportunità proposte dalla nostra offerta formativa, abbiamo deciso di mantenere per il prossimo anno scolastico entrambe le opzioni attivando così una classe di 'liceo economico Made in Italy' e una classe di 'liceo economico sociale'".  Tuttavia – prosegue la lettera firmata dal preside – allo scopo "di formare due classi omogenee rispettose dei limiti numerici consentiti e dagli spazi a disposizione, abbiamo provveduto a distribuire gli alunni in ciascuna delle due classi sulla base delle richieste volontarie o, come extrema ratio, tramite sorteggio tra tutte le richieste di iscrizione risultate in esubero in una delle due opzioni dei percorsi in questione".  "Questa comunicazione è stata per me un fulmine a ciel sereno, perché non è quello che avevamo deciso", dice l'avvocato Avaldi. "Il 12 gennaio – racconta – si è riunito il consiglio d'istituto e ci è stato detto che c'era la possibilità di aderire al nuovo indirizzo del liceo Made in Italy, se ci fossero stati studenti interessati. Anche io avevo votato a favore, perché mi sembrava intelligente dare la possibilità di scegliere un indirizzo in più, ma non si può imporlo in questo modo". Secondo il rappresentante dei genitori il dirigente scolastico "ci tiene al nuovo indirizzo, perché pochi licei in Italia l'avranno e farlo partire sarebbe per lui una bella pubblicità. Riuscirci così, imponendolo alle famiglie, però, non va bene". 
Contro la decisione del preside si scaglia anche il Partito democratico. Parla di una "follia" il consigliere regionale dem, Matteo Piloni. "La volontà di studenti e famiglie non può essere calpestata", dice, spiegando all'Adnkronos che "il punto non è che la scuola si sia legittimamente proposta per il liceo Made in Italy", ma la decisione di far partire comunque la classe, a fronte di "una risposta chiara da parte delle famiglie: se c'è un solo iscritto, significa che non c'è interesse". E se "di fronte a questi numeri dovrebbe sembrare evidente a tutti il flop di una proposta che non aveva sostanza: nessun programma, nessuna linea guida, nessun indirizzo di formazione per gli insegnanti. Insomma, solo propaganda. Evidente a tutti tranne che a uno: il dirigente scolastico del Munari, il professor Pierluigi Tadi", evidenzia Piloni, che accusa il dirigente scolastico di un "eccesso di protagonismo e di molta rigidità". —[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 17-02-2024


Verona-Juventus 2-2, Allegri non vince più

Morte Navalny, G7 “indignato”: “Russia chiarisca circostanze”