Le App Fintech sono programmi utilizzati per compiere acquisti o investire direttamente dal proprio smartphone. Ecco le migliori e a cosa servono.

Programmi e app di Fintech sono tra le soluzioni più utilizzate per pagare, risparmiare o effettuare investimenti, il tutto tramite il proprio smartphone. Semplificarsi la vita è ormai più semplice di quello che può sembrare. Questo è possibile grazie a servizi e prodotti finanziari erogati da moderne tecnologie e dispositivi elettronici. Il digitale è quindi in grado di cambiare l’economia, soprattutto ora che questa viaggia a metà strada tra finanza e tecnologia. Inoltre le App Fintech sono fruibili da tutti e sono un valido alleato per semplificare la propria vita quotidiana.

Tra le più scaricate possiamo sicuramente trovare Satispay o TransferWise, utili per effettuare pagamenti o acquisti. In ogni caso le App Fintech sono destinate a rivoluzionare l’intero comparto economico. Questo soprattutto grazie al fatto che da un lato interpretano la sfiducia degli utenti verso le banche e dall’altro soddisfano l’abitudine di risolvere i problemi con un semplice tocco. Perciò vediamo di capire quali sono le migliori App Fintech disponibili e a cosa servono.

App Fintech per pagamenti

Le App Fintech più utilizzate sono sicuramente quelle per i pagamenti, che si tratti di pagamenti digitali in valuta o di scambi di denaro. Tra le più scaricate troviamo TransferWise e Satispay.

La prima permette di scambiare somme di denaro tramite un meccanismo peer to peer e trasferire denaro praticamente in tutto il mondo. Per farlo basta attivare un conto online e ottenere degli estremi bancari. In questo modo è possibile gestire e depositare denaro in più di 40 valute e in 50 paesi del mondo.

Ovviamente dovrà essere eseguita una conversione, per la quale TransferWise applica una commissione, ma in generale viene garantito il tasso di cambio medio. Per quanto riguarda l’invio di denaro tramite questa App Fintech, anche in questo caso è prevista una piccola commissione di circa 0,60 centesimi.

smartphone pc applicazione finanza
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/azionario-iphone-business-mobile-624712/

L’altra App Fintech per i pagamenti è Satispay, creata per chi vuole girare con pochi contanti in tasca, ma non vuole spendere canoni troppo elevati per una carta di credito. Grazie a questa app è possibile pagare attraverso il proprio smartphone grazie alla funzionalità contactless ormai presente su quasi tutti i dispositivi.

Insomma Satispay permette di effettuare micro-pagamenti, inviare denaro ai propri contatti o pagare in un negozio convenzionato. Il grande pregio di questo metodo di pagamento è che non ci sono intermediari nella transazione ed il servizio è quindi totalmente gratuito.

Assicurazioni e App Fintech

Il mondo delle assicurazioni è stato uno dei primi a convertirsi alle App Fintech e questo ha reso le polizze ancora più semplici da sottoscrivere. Anche in questo caso sono due le applicazioni più utilizzate e scaricate.

In particolare parliamo di Trov, disponibile per iOS e Android, che consente agli utenti di firmare delle assicurazioni direttamente online. Le polizze possono essere accese o spente con pochi e semplici passaggi e sono studiate per proteggere beni come:

  • PC
  • smartphone
  • TV
  • biciclette
  • strumenti musicali
  • dispositivi ed equipaggiamento sportivo

Un’altra alternativa per le assicurazioni tramite App Fintech è Yolo, servizio che però non è attivo in Italia. Questa società propone delle micro-polizze per i settori di beni, persone o viaggi che però sono gestite da altre compagnie.

Ad oggi le polizze disponibili sono con Chubb, Reale Mutua e AXA. Per accedere ai servizi online di Yolo basta iscriversi al portale e i costi variano in base al servizio scelto, al numero di persone o beni assicurati e ovviamente dal tempo di validità del contratto sottoscritto.

Investimenti e prestiti

Oltre a pagamenti e assicurazioni grazie alle App Fintech è anche possibile investire e richiedere prestiti. Nel primo caso stiamo parlando di MoneyFarm, un’app che con l’aiuto dei robo-advisor crea soluzioni personalizzate per investire abbattendo i costi.

Infatti ricorrere a questa App Fintech renderà possibile evitare i costi di intermediazione o di ricorrere ad una banca. Inoltre MoneyFarm non richiede:

  • investimento minimo
  • costo di apertura o transazione
  • costi accessori
e-commerce, smrtphone e metodi di pagamento digitale
Fonte foto: https://pixabay.com/it/illustrations/visto-business-acquisto-carta-3082813/

In generale il servizio si basa sul fatto che una strategia di investimento vincente poggia sulla diversificazione. Proprio per questo Moneyfarm propone sei portafogli di ETF, rigorosamente diversificati, per soddisfare differenti profili, sia dal punto di vista dell’investitore che degli obiettivi.

Se invece avete la necessità di richiedere un prestito potete ricorrere all’app di Younited Credit. In pratica si tratta della versione mobile della famosa piattaforma che concede finanziamenti. La tecnologia su cui si basa questa App Fintech permette di prendere in prestito direttamente dalla comunità di investitori professionali. Inoltre il prestito è veloce, equo, conveniente.

Risparmiare con le App Fintech

Infine vediamo la categoria di App Fintech dedicata a chi vuole risparmiare. Stiamo parlando di Gimme5, la famosa app con il porcellino che corre, e che mette in moto i risparmi. Infatti, grazie al microsaving, potrete accedere ad un “salvadanaio” digitale tramite il quale sarà possibile investire in fondi comuni, gestiti da professionisti. I fondi sono associati agli obiettivi impostati dall’utente, che potrà scegliere tra un approccio:

  • prudente
  • moderato
  • aggressivo

Inoltre sarà possibile eseguire gli investimenti con un semplice tocco, scegliendo le modalità su base mensile. Per quanto riguarda i costi possiamo dire che sia attivazione, che costi fissi per l’account sono pari a zero. È però necessario pagare un euro per rimborsare gli investimenti fatti e delle commissioni per la gestione degli investimenti.

In ogni caso però questa App Fintech rimane tra le più convenienti sul mercato. Veniamo adesso OvalMoney, l’altra app di risparmio che integra anche una parte dedicata all’aggregazione di conti. Questa piattaforma infatti permette di accumulare risparmi automaticamente o in base alle proprie abitudini e preferenze.

È anche possibile tracciare le singole transazioni eseguite per avere un resoconto completo delle spese e per risparmiare potrete spostare il denaro in appositi salvadanai digitali in tre modi:

  • importa fisso o percentuale – ogni qualvolta si spende in una determinata categoria
  • arrotondamenti – si accumulano le monetine dei resti delle spese quotidiane
  • accantonamenti – basati sull’esecuzione di precise azioni, come mettere un like su Facebook

Su OvalMoney non ci sono costi per chi vuole aprire un account. Inoltre non ci sono commissioni per sincronizzazione, deposito o prelievo dei propri risparmi.

Fonte foto:
https://pixabay.com/it/photos/azionario-iphone-business-mobile-624712/ https://pixabay.com/it/illustrations/visto-business-acquisto-carta-3082813/


Bonus busta paga, ecco chi potrà guadagnare di più

Sostenibilità del trading