Come detto il primo landing era a 20.800 . E’ stato perforato dalle misure restrittive e giustamente varate del Governo per atterrare a 18.723.

Si tratta di un livello addirittura al di sotto di 19.000, che costituiva un solido supporto. Sotto resta ormai soltanto 17.914 cioè il minimo del Dicembre 2018. Più sotto ancora, ma non vogliamo nemmeno pensarci, si trova 15.900 del 2015 .

In pratica il Coronavirus s è mangiato tutti i guadagni degli ultimi due anni in soli 13 giorni …..

Quando si dice salire con l’ascensore e scendere con le scale . L’operazione è stata ben studiata perché non si sono creati gap down e la discesa al livello minimo di oggi è arrivata in circa un’ora, vendita dopo vendita. In modo graduale.

Alcuni analisti avevano previsto una forte crescita dell’indice a inizio anno e avevano anche previsto i livelli minimi di questo rintracciamento, dando prova di pessima competenza al riguardo.

Verrebbe voglia di andare a prendere i loro pezzi pubblicati sui vari siti di finanza. Noi abbiamo predicato prudenza costantemente, sapendo che tutte le cartucce del rialzo erano state sparate e che un qualunque evento, appena dirompente, avrebbe generato un Cigno Nero ( Taleb ) .

Il Coronavirus non è un evento da poco e questo ha aggiunto carburante alla discesa vertiginosa delle quotazioni.

E ora ?

Ora bisogna stare fermi. Come su una nave in tempesta. Si tolgono le vele e si aspetta. Il bottom non è ancora stato toccato, manca ancora una gamba. Quando verrà toccato, studieremo la strategia.

Nell’articolo STIMA DE LANDING scrivemmo, come frase finale, “ pensiamo che i veri minimi non siano ancora stati toccati “ e restiamo di questa stessa idea.

Il Corona resterà attivo per almeno altri tre mesi e i contagi in Italia, complice lo scriteriato comportamento dei nostri concittadini, continueranno a crescere fino a 25.000 – 30.000 casi diffusi in tutta Italia.

Vediamo gli altri indici :

Dax : rotto anche il 11.263 resta solo il  10.285.

Stoxx : Sotto 2.900 si va subito a 2.800.

S&P : Esattamente atterrato dove indicavamo noi a 2.792. Niente di serio poi fino a 2.351, ma sarebbe un cataclisma mondiale.

Ricordiamo i numeri di questa, ripeto, ampiamente da noi prevista ( prego di andare a rileggere tutti gli articoli precedenti )  Caporetto : -17% S&P , Stoxx – 25%, . -24% Dax e infine FTSE MIB – 28%. Il tutto in soli 13 giorni.

E’ tutto ampiamente in ipervenduto e sicuramente saremo arrivati alla seconda derivata della gaussiana, ma non è finita. Volatilità alle stelle. Probabile ripesa a V ma non si ne’ come, ne’ quando. I prezzi non sono ancora appetibili, c’è un ultimo tratto di discesa da compiere.

Pazienza, calma e dare fiducia ai professionisti. Noi possiamo aver sbagliato per eccesso di prudenza nell’ultimo quarter del 2019, ma al massimo avreste perso un po’ di rialzo. Seguendo le cassandre rialziste, invece, avete lasciato giù un 30% del vostro patrimonio.

Nei mercati finanziari la prudenza non è mai troppa. Meglio una lacrima per non aver guadagnato di una congiuntivite per il latte versato. Ora vediamo.

TAG:
vetrina

ultimo aggiornamento: 09-03-2020


STIMA DEL LANDING

Oltre ogni limite !