Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – Julian Assange non si sente bene e non partecipa, neanche in video collegamento, all'udienza davanti all'Alta Corte britannica, ultimo disperato tentativo dei suoi legali per evitare l'estradizione negli Stati Uniti, dove è accusato di spionaggio. Già ieri la moglie Stella aveva dichiarato alla Bbc che il marito, detenuto nel carcere britannico di Belmarsh dal 2019, è estremamente debole fisicamente e mentalmente, e rischia di non sopravvivere all'estradizione. Intervenuto oggi in aula, l'avvocato di Assange, Ed Fitzgerald, ha affermato che il suo cliente è vittima di "una ingiustificata interferenza nella libertà di parola". "L'accusa – ha aggiunto – è politicamente motivata", Assange è "perseguito per essersi impegnato nella normale pratica di giornalismo di ottenere e pubblicare informazioni riservate, vere e di ovvio e importante interesse pubblico". Un altro dei legali dell'imputato, Mark Summers, ha poi dichiarato all'Alta Corte che gli Stati Uniti avevano un piano per rapire o avvelenare Assange mentre era ospite dell'ambasciata dell'Ecuador a Londra, che gli ha offerto asilo per quasi sette anni. Piano che sarebbe fallito per l'opposizione delle autorità britanniche.  Co-fondatore di Wikileaks, l'australiano Assange ha contribuito nel 2010 alla divulgazione di migliaia di file segreti degli Stati Uniti sulle guerre in Iraq e Afghanistan. L'udienza di due giorni davanti all'Alta Corte britannica deve determinare se Assange può presentare ricorso contro l'estradizione negli Stati Uniti, dove rischia una condanna all'ergastolo.  —internazionale/[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 20-02-2024


Morto a 63 anni Andreas Brehme, terzino dell’Inter dei record e campione del mondo con la Germania

Israele smentisce notizia fuga in Egitto di Sinwar, leader di Hamas a Gaza