Jeff Bezos, uno degli uomini più ricchi del mondo

L’imprenditore americano Jeff Bezos è il fondatore e amministratore delegato di Amazon.com e proprietario del “The Washington Post”

Le sue imprese di successo lo hanno reso una delle persone più ricche del mondo.

Chi è Jeff Bezos?

Imprenditore, pioniere del commercio elettronico e fondatore Amazon, Jeff Bezos è nato il 12 gennaio 1964 ad Albuquerque, New Mexico. Bezos ha avuto un primo amore per i computer e ha studiato informatica e ingegneria elettrica all’Università di Princeton. Dopo la laurea ha lavorato a Wall Street e nel 1990 è diventato il più giovane vicepresidente senior della società di investimenti D.E. Shaw. Quattro anni dopo, ha lasciato il suo lucrativo lavoro per aprire Amazon.com, una libreria virtuale che è diventata una delle più grandi storie di successo di internet. Nel 2013, Bezos ha acquistato il Washington Post con un’operazione da 250 milioni di dollari. Le sue imprese di successo lo hanno reso una delle persone più ricche del mondo.

Primi anni di vita e carriera

Bezos Jeff è nato il 12 gennaio 1964, ad Albuquerque, New Mexico, da una madre adolescente, Jacklyn Gise Jorgensen, e da suo padre biologico, Ted Jorgensen. I Jorgensen erano sposati da meno di un anno, e quando Bezos aveva 4 anni sua madre si risposò, con l’immigrato cubano Mike Bezos.

Jeff Bezos ha mostrato un precoce interesse per il funzionamento delle cose, trasformando il garage dei suoi genitori in un laboratorio. Si è trasferito a Miami con la sua famiglia da adolescente, dove ha sviluppato l’amore per il computer e si è laureato. E ‘stato durante la scuola superiore che ha iniziato la sua prima impresa, il Dream Institute, un campo estivo educativo per i bambini di quarta, quinta e sesta elementare.

Bezos ha proseguito il suo interesse per l’informatica all’Università di Princeton, dove si è laureato con lode nel 1986 con una laurea in informatica e ingegneria elettrica. Dopo la laurea, ha trovato lavoro in diverse aziende di Wall Street, tra cui Fitel, Bankers Trust e la società di investimento D.E. Shaw. Qui ha incontrato sua moglie, Mackenzie (dalla quale sembra che si sia separato nel Gennaio 2019), e nel 1990 è diventato il più giovane vice presidente della società.

Mentre la sua carriera nella finanza è stata estremamente redditizia, Bezos ha scelto di fare una mossa rischiosa nel mondo nascente del commercio elettronico. Ha lasciato il suo lavoro nel 1994, si è trasferito a Seattle e ha preso di mira il potenziale inutilizzato del mercato internet aprendo una libreria online.

Lancio di Amazon.com

Bezos ha allestito l’ufficio della sua neonata azienda nel suo garage dove, insieme ad alcuni dipendenti, ha iniziato a sviluppare software. Hanno ampliato le operazioni in una casa con due camere da letto, dotata di tre microstazioni solari, e alla fine hanno sviluppato un sito di test. Dopo aver invitato 300 amici a testare il sito, Bezos ha aperto Amazon.com, che prende il nome dal serpeggiante fiume sudamericano, il 16 luglio 1995.

Jeff Bezos
Jeff Bezos

Il successo iniziale dell’azienda è stato meteorico. Senza promozione stampa, Amazon.com ha venduto libri negli Stati Uniti e in 45 paesi stranieri in 30 giorni. In due mesi, le vendite hanno raggiunto i 20.000 dollari a settimana, crescendo più velocemente di quanto Bezos e il suo team di start-up aveva previsto.

Amazon.com è diventato pubblico nel 1997, portando molti analisti di mercato a chiedersi se l’azienda potesse reggere il confronto con i rivenditori tradizionali che hanno lanciato i propri siti di e-commerce. Due anni dopo, la start-up non solo ha tenuto il passo, ma anche superato i concorrenti, diventando leader nell’e-commerce.

Bezos ha continuato a diversificare l’offerta di Amazon con la vendita di CD e video nel 1998, e successivamente di abbigliamento, elettronica, giocattoli e altro ancora attraverso importanti partnership di vendita al dettaglio. Mentre molti siti dei primi anni ’90 sono andati in crisi, Amazon ha prosperato con vendite annuali che sono passate da 510.000 dollari nel 1995 a oltre 17 miliardi di dollari nel 2011.

Nel 2006, Amazon.com ha lanciato il suo servizio video on demand; inizialmente conosciuto come Amazon Unbox on TiVo, è stato infine rinominato Amazon Instant Video. Nel 2007, l’azienda ha rilasciato il Kindle, un lettore digitale portatile di libri che ha permesso agli utenti di acquistare, scaricare, leggere e memorizzare le loro selezioni di libri. Nello stesso anno, Bezos ha annunciato il suo investimento in Blue Origin, un’azienda aerospaziale con sede a Seattle che sviluppa tecnologie per offrire viaggi spaziali a clienti paganti.

Bezos è entrata nel mercato dei tablet con la presentazione del Kindle Fire nel 2011. Il settembre successivo, ha annunciato il nuovo Kindle Fire HD, il tablet di nuova generazione dell’azienda, progettato per dare all’iPad di Apple una corsa per i suoi soldi. “Non abbiamo costruito il miglior tablet ad un certo prezzo“. “Abbiamo costruito il miglior tablet a qualsiasi prezzo“, ha detto Bezos, secondo ABC News.

Secondo le stime del 2017, Amazon nel mondo conta circa 560.000 dipendenti.

The Washington Post

Bezos ha fatto notizia in tutto il mondo il 5 agosto 2013, quando ha acquistato il Washington Post e altre pubblicazioni affiliate alla sua casa madre, The Washington Post Co. per 250 milioni di dollari. L’accordo ha segnato la fine del regno di quattro generazioni su The Post Co. da parte della famiglia Graham, che comprendeva Donald E. Graham, presidente e amministratore delegato della società, e sua nipote, l’editore postale Katharine Weymouth.

Jeff Bezos
Jeff Bezos

Amazon Prime & Amazon Studios

All’inizio di dicembre 2013, Bezos ha fatto notizia quando ha rivelato una nuova iniziativa sperimentale di Amazon, chiamata “Amazon Prime Air”, utilizzando droni – macchine telecomandate in grado di eseguire una serie di compiti umani per fornire servizi di consegna ai clienti. Secondo Bezos, questi droni sono in grado di trasportare oggetti fino a cinque libbre di peso e sono in grado di viaggiare a una distanza di 10 miglia dal centro di distribuzione dell’azienda. Ha anche affermato che Prime Air potrebbe diventare una realtà in soli quattro o cinque anni.

Nell’aprile 2018, Bezos ha detto che la società ha superato i 100 milioni di abbonati per Amazon Prime. Ha aggiunto che il 2017 è stato un anno eccezionale per le vendite di hardware, e che Amazon continuerà ad investire nell’espansione della sua base clienti, del marchio e dell’infrastruttura.

Fonte

Ultimo aggiornamento: 05-01-2019

PlayOptions