Direttore: Alessandro Plateroti

Una discesa veloce e una pronta decisa reazione dei listini messi sotto pressione. Come previsto, nonostante la forza della discesa, i supporti sono stati riconosciuti.

I supporti erano 18.400 per il Ftse, 10.600/10.700 per il Dax e 3.000 per lo Stoxx (supportato da una linea di lunghissimo periodo) .

Con un po’ di pathos, e dopo aver assistito all’operatività degli istituzionali, atta a eliminare gli stop loss, i supporti hanno tenuto gli indici a livello di ” sopravvivenza “.

Stamattina infatti le borse hanno aperto con forti rialzi e stanno consolidando adesso il rimbalzo .

I prossimi obiettivi ( 3-4 giorni da oggi) sono : Ftse 19.000, Dax 11.100 ( inizio del gap ), Stoxx 3119 ( inizio del gap ).

Resta alta la volatilità ( 24,8 quella del Dax, listino guida in Europa ).

Anche il VIX ha contribuito a generare timori ( toccando 24,3 ) e lo S&P ha violato momentaneamente il suo supporto di 2.630, riportandosi poi a 2.663.

Come sempre Brexit, dazi e confronto Italia – Ue, sono gli elementi di incertezza che rendono volatili i mercati.

Aggiungiamo che le previsioni macro economiche per il 2019 non sono brillanti.

Tuttavia la recessione non è ancora alle porte e avremo un periodo di discreta stabilità, almeno nel mese di Gennaio.

I target di breve periodo sono di 20.250 per il Ftse, di 12.000 per il Dax e di 3.200 per lo Stoxx.

Dato che tutte le brutte notizie sono sul tavolo, c’è da sperare che nei prossimi giorni si possa assistere a un lieve miglioramento della situazione internazionale che pesa molto sulle quotazioni.

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

ultimo aggiornamento: 11-12-2018


Toccati ieri minimi molto pericolosi

Decisa risalita degli indici in giornata