Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – "Non potete dire che sostenete l'obiettivo di Israele di distruggere Hamas e poi vi opponete ad Israele quando adottata le azioni necessarie". Benjamin Netanyahu a brutto muso verso gli Usa. Il premier israeliano fa esplicito riferimento alle tensioni con l'amministrazione del presidente Joe Biden, che si oppone all'operazione israeliana a Rafah, nel messaggio video inviato alla conferenza dell'Aipac, l'associazione che celebra l'amicizia tra Israele e Stati Uniti.  "Voglio essere chiaro, Israele vincerà questa guerra, a tutti i costi", dice ancora il premier israeliano, secondo quanto riporta Times of Israel, promettendo che "finiremo il lavoro a Rafah, permettendo alla popolazione civile di ripararsi dal pericolo". Perché altrimenti Hamas potrà "riorganizzarsi, riarmarsi e riconquistare Gaza". "Questo è intollerabile per il nostro futuro e non lo accetteremo – ha aggiunto – distruggeremo Hamas, libereremo i nostri ostaggi e assicureremo che Gaza non sia più una minaccia per Israele".  
"Non potete dire che vi opponete alla strategia di Hamas di usare i civili come scudi umani e poi dare la colpa ad Israele per le vittime civili che sono il risultato della strategia di Hamas", ha proseguito Netanyahu con un nuovo attacco all'amministrazione Biden che ha comunque ringraziato nel suo discorso: "Apprezzo profondamente il sostegno che ho ricevuto dal presidente Biden e dalla sua amministrazione e spero che continui".  Ma le stoccate a Biden, che nei giorni scorsi ha detto che Netanyahu con la sua politica a Gaza danneggia piuttosto che favorire gli israeliani, non si sono fermate qui: "la stragrande maggioranza degli americani sono con noi – ha affermato – so che la stragrande maggioranza del Congresso è con noi".  —internazionale/[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 12-03-2024


Camilla diventa una Barbie: “Ringiovanita di 50 anni”

Sarri, addio alla Lazio: da Anna Falchi a Osho, tifosi vip divisi su dimissioni