L’arrivo di un nuovo anno porta sempre con sé speranze e buoni propositi.

Ma chi segue i mercati finanziari fa fatica a trovare fiducia ed ottimismo: nel corso del 2022 le quotazioni di praticamente tutti i principali asset (ad eccezione dei titoli energetici, del dollaro e di alcune materie prime) hanno subito dei cali importanti. E con il conflitto in Ucraina che va avanti e l’inflazione in doppia cifra può sembrare molto difficile capire come investire nei prossimi mesi.

A dire il vero qualche timido segnale positivo inizia a farsi vedere, però il quadro generale resta molto complicato. Per prendere delle buone scelte di finanza personale è necessario avere una buona preparazione e seguire con estrema attenzione gli sviluppi dei temi che possono avere effetti anche sui mercati. A questo proposito, per capire dove investire nel 2023 è possibile leggere le guida disponibile su Investireinborsa.org, sito web di riferimento nell’ambito della formazione finanziaria dove trovare consigli e suggerimenti pensati per aiutare gli utenti a sfruttare al meglio le opportunità offerte dai mercati.

investimenti

Consigli per chi si avvicina ai mercati finanziari oggi

La grande incertezza e l’andamento negativo delle borse ha spinto molte persone ad aumentare la quota del proprio capitale destinata alla liquidità. È più che comprensibile, ma la scelta di mettere tutti i soldi sotto al materasso non è di certo la più corretta: l’inflazione è ancora molto alta ed i soldi liquidi che rimangono fermi sono i primi a subirne l’effetto erosivo.

Quindi è importante impiegare al meglio il proprio denaro, anche se questo significa scegliere con maggiore attenzione gli asset su cui puntare. Ovviamente ogni tipo di investimento presenta un determinato livello di rischio: ogni investitore deve stabilire qual è la soglia massima di pericolo che è disposto ad accettare, in modo da poter costruire una strategia che rispecchi le sue reali preferenze ed i suoi obiettivi.

Gli asset con il più alto livello di rendimento potenziale

Grazie alle piattaforme dei broker di trading online è davvero molto facile accedere ai mercati finanziari. Su queste piattaforme, che oggi sono più complete ed intuitive che mai, si possono negoziare svariate tipologie di asset: azioni, materie prime, indici, criptovalute, forex e così via. Il tutto avviene attraverso dei particolari strumenti finanziari derivati, i contratti per differenza, che permettono di speculare su tutte le variazioni delle quotazioni, anche quelle al ribasso.

Per quanto riguarda le potenzialità di rendimento, le opzioni più interessanti per i trader sono rappresentate dalle criptovalute, dal forex e dal mercato azionario. Ma tutti quelli che vogliono gestire in completa autonomia la propria finanza personale devono sapere che esiste una regola: più è alto il potenziale rendimento di un asset, più alto sarà il livello di rischio che contraddistingue l’investimento.

La gestione del rischio nelle scelte di finanza personale

La regola vista in precedenza porta quindi all’introduzione di un altro consiglio fondamentale per chi intende investire sui mercati finanziari: bisogna diversificare. L’obiettivo è quello di creare un portafoglio di investimento che abbia una composizione bilanciata, in cui gli asset potenzialmente più redditizi e più pericolosi sono affiancati da strumenti più stabili e sicuri. Tra questi è possibile menzionare i fondi Etf ed alcune materie prime.

È fondamentale capire su cosa investire, ma è altrettanto importante scegliere l’intermediario giusto. Per evitare brutte sorprese è sempre meglio affidarsi solo a broker regolamentati come FP Markets, eToro, Capital.com e Trade. Ovviamente i più prudenti possono scegliere soluzioni a rischio molto basso come i titoli di Stato, i conti deposito ed i buoni fruttiferi, ma bisogna essere consapevoli del fatto che il rendimento in questi casi è davvero molto contenuto.

Riproduzione riservata © 2023 - EFO

ultimo aggiornamento: 02-12-2022


Bonus Maroni: come richiederlo e quanto spetta in busta paga

Entrare nel mondo del vino nel 2022: conviene?