Domani la BCE.

Domani ci sarà la comunicazione mensile da parte della BCE sul nuovo “ bazooka “ messo a punto dai tecnici della Banca Centrale per i mercati economico-finanziari.

La curva del debito tedesco è ampiamente sotto zero. Il Bund ha toccato il minimo a 0.70% Anche altri Paesi europei sono intorno allo 0, come Portogallo e Spagna.

Il nostrano BTP è intorno a 0,80%.

In arrivo quindi diverse opzioni .

La prima è il tiering che potrebbe essere applicato in modo flessibile sui depositi giacenti .

Il parcheggio della liquidità , inattiva, è intorno allo 0,4% , in particolare le banche tedesche e francesi hanno abbondante riserva di liquidità giacente. Un’eventuale azione di tiering avrebbe quindi impatti positivi sulle banche di questi due Paesi.

Vi è poi l’ipotesi del lancio di un nuovo QE, che potrebbe essere stimato introno ai 30-40 miliardi.

La Borsa di Milano cresce dello 0,4% e continua a oscillare intorno ai 22.000 punti. Un spunto potrebbe portare la Borsa al massimo a 22.350 punti. Sotto il supporto è a 21.800 e più sotto ancora a 21.600. Se venisse rotto il 21.600 le il FTSE potrebbe scendere velocemente.

Lo spread è a 158 punti e se le misure della BCE fossero molto efficacii lo spread potrebbe avvicinarsi ai suoi minimi a 125-130 punti.

L’euro è stabile intorno a 1.10 verso il dollaro e non si esclude un’ulteriore discesa verso 1.05.

L’oro ha perso i 1.500 e si trova a 1.494 mentre il petrolio oscilla intorno ai 57 dollari. Alle 13 di oggi la borsa americana , l’ S&P, è sulla parità.

Tra i titoli in evidenza spicca STM che segna un +3,5%.

In Asia forti vendite di Bond Usa e acquisiti di azioni italiane. 

Le difficoltà di Boris Johnson nel portare avanti la Hard Brexitaiuta le Borse a mantenersi su buoni livelli di prezzo. Tuttavia riteniamo che i livelli siano stati ormai quasi raggiunti e che le Borse abbiano già scontato le attese positive della BCE. Continuiamo a suggerire un atteggiamento molto prudente.

Ultimo aggiornamento: 11-09-2019

PlayOptions