Cosa è necessario sapere per investire nelle monete virtuali

Cosa è necessario sapere per investire nelle monete virtuali

Conoscere il mondo delle criptovalute può essere utile per chi ha intenzione di cimentarsi in investimenti redditizi e in grado di garantire buoni guadagni.

È necessario sapere, prima di tutto, che le valute digitali sono prive di valore nominale, a differenza di ciò che accade per gli altri tipi di monete. Questo si verifica dal momento che la quotazione di una moneta virtuale – di qualunque tipo essa sia – dipende solo dalla richiesta di mercato.

Oggi il mondo della Rete mette a disposizione una vasta gamma di strumenti a cui ci si può affidare per investire: per esempio bitcoin trader funziona grazie a robot automatici basati su algoritmi che effettuano tutte le operazioni per conto degli utenti.

Il mercato delle valute digitali

Ciascuna moneta virtuale è disponibile entro certi limiti, nel senso che ne è prevista una quantità ben definita. Di conseguenza, più elevata è la richiesta del mercato e più il valore della criptovaluta cresce.

Proprio per questo motivo, se sempre più trader dovessero rivolgere la propria attenzione al settore delle monete virtuali si potrebbe verificare un incremento trasversale delle quotazioni. Si tratta solo di ipotesi, comunque, perché per il momento lo scenario è differente: sia perché ci sono giornate negative, sia perché le fluttuazioni sono ancora tante.

I trend delle monete virtuali

Conoscere, o comunque riuscire a prevedere, l’andamento dei prezzi degli asset su cui si vuole investire è molto importante per aumentare le proprie probabilità di successo in termini di rendimento economico.

In periodi di crisi come quello che stiamo attraversando in questo momento, lo scenario si fa più complesso rispetto a ciò che poteva avvenire in passato, anche perché un gran numero di mercati sta spaventando gli investitori. Il futuro non viene più visto come un collettore di occasioni da cogliere, ma come una fonte di timori.

Monete virtuali
Monete virtuali

Il mercato delle criptovalute

Una notevole instabilità è il tratto peculiare del mercato delle valute digitali. Non si può certo dire che gli investitori stiano scappando, come per esempio avviene nel caso dei titoli azionari, ma certo è che le criptovalute mettono in evidenza un andamento a dir poco ballerino. Per paradosso, però, questo livello di volatilità particolarmente elevato è quello che finisce per incuriosire e catturare l’attenzione di nuovi investitori.

Essi in genere puntano su investimenti a breve termine, o addirittura a brevissimo termine, in modo tale da poter beneficiare di ogni variazione delle quotazioni, anche le più piccole.

Fare trading con le valute digitali

I siti che permettono di fare trading con le criptovalute, oltre che con altri asset, sono numerosi. L’asset più diffuso è, ovviamente, il bitcoin. Il consiglio per chi si avvicina per la prima volta a questo settore è di affidarsi unicamente a piattaforme accreditate, per scongiurare il rischio di truffe e prevenire le frodi che purtroppo sono molto più frequenti di quel che ci si potrebbe aspettare. In tutto il mondo, per altro, allo stato attuale esistono più di 1.000 valute virtuali, fermo restando che in genere ciascuna piattaforme ne gestisce poche.

Le criptovalute e il coronavirus

Nel corso delle ultime settimane lo scenario è diventato ancora più complicato per effetto della crisi innescata dall’emergenza sanitaria, che ha avuto un impatto notevole su tutti i mercati.

Tuttavia i bitcoin continuano ad attirare nuovi investitori, se non altro perché sono parte di un mercato che si caratterizza per regole proprie, differenti da quelle che disciplinano gli altri mercati. Sembra proprio che le criptovalute rappresentino un’ancora di salvezza, un appiglio a cui aggrapparsi in un contesto di enormi difficoltà che non rassicurano in vista del futuro.

Ultimo aggiornamento: 28-05-2020