Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – "Per il Movimento 5 Stelle non ci sono le condizioni per svolgere seriamente le primarie". E' quanto ha detto oggi il leader del M5S Giuseppe Conte a Bari. "A una prima inchiesta giudiziaria, si aggiunge oggi una seconda inchiesta in cui è coinvolto il voto di scambio, cose che noi stiamo denunciando da tempo", dice il leader del Movimento dopo le dieci misure cautelari, di cui una custodia in carcere, sette ai domiciliari e due divieti di dimora nel Comune di Triggiano. Le misure sono state eseguite dai carabinieri del Comando provinciale di Bari e della sezione di polizia giudiziaria in un'inchiesta della Procura di Bari. "Riteniamo che le ragioni che ci hanno spinto ad appoggiare il candidato Laforgia permangano, anzi, si rafforzano" dice Conte. "Ci confronteremo con le forze politiche e civiche della coalizione per cercare di affrontare la campagna elettorale per Bari nel segno di un nuovo inizio, di un rafforzamento dei presidi di legalità, di massima trasparenza". "Andremo divisi? No, noi siamo per uno spirito unitario, siamo sempre stati leali" aggiunge. "Tutte le forze conoscono il nostro Dna, i nostri obiettivi e le condizioni indispensabili per lavorare insieme. Ho anticipato alle altre forze politiche la nostra determinazione" sulle primarie e "spiegheremo le nostre regioni alla popolazione barese". "Chiedo a tutte le forze politiche e movimenti civici di valutare la possibilità di convergere su Laforgia senza dividerci" aggiunge Conte. ''Il gruppo serve per progettare insieme, in costante dialogo con le comunità locali. Per troppo tempo le persone hanno visto il Movimento in televisione, in quei pochi passaggi che ci concedevano. Oggi il Movimento 5 stelle lo devono vedere nelle piazze, nelle vie, nelle città, nei palchetti. Dobbiamo farci sentire''. "La scelta di Conte di uscire dalle primarie è incomprensibile" riferiscono fonti del Nazareno. "Se il Movimento 5 stelle pensa di vincere da solo contro la destra, proceda pure. Ma abbia rispetto per la città di Bari, per gli elettori di centrosinistra e non pensi di dare lezioni di moralità a nessuno". "Il Pd resta al fianco di Bari che ha già dimostrato quanto sia importante il Pd come presidio di legalità e di buona amministrazione. Siamo certi che il Pd insieme al centrosinistra vincerà di nuovo le elezioni contro questa destra". "Non abbiamo deciso niente di diverso da quello che è evidente a tutti: non ci sono le condizioni" per fare le primarie, "le stesse condizioni che c’erano prima per farle". Lo ha detto Michele Laforgia, uno dei due candidati a sindaco della coalizione del centrosinistra a Bari, parlando con i giornalisti a margine della manifestazione, organizzata dalla Convenzione Bari 2024. "Noi chiederemo di sospenderle, lo chiederemo anche pubblicamente all’altro candidato Vito Leccese. Spero che questa soluzione sia condivisa e che riusciremo a trovare una soluzione per tenere unita la coalizione".  "Oggi non ci sono le condizioni né per non fare le primarie né per fare passi indietro" ha detto Michele Laforgia, uno dei due candidati della coalizione di centrosinistra alla carica di sindaco di Bari, a proposito delle primarie che erano state programmate per domenica 7 aprile. "Penso che in questo periodo ho fatto più passi in avanti", ha aggiunto. "Sono pronto a farne altri. Se mi sarà chiesta un'altra soluzione mi si dovrà dire qual è la soluzione, quali sono le condizioni, discuteremo come abbiamo sempre fatto in questo periodo di qualsiasi ipotesi".  —[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 04-04-2024


Europee, 17 loghi nel simbolo di Cateno De Luca: è record

Biden avverte Netanyahu: “Politica Usa dipenderà da azioni Israele sui civili”