Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – A quasi sei mesi dall'inizio della guerra, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato per la prima volta una risoluzione che chiede un "cessate il fuoco immediato" a Gaza per il mese sacro musulmano del Ramadan.  L'organo più potente delle Nazioni Unite, che ha espresso "profonda preoccupazione per la catastrofica situazione umanitaria nella Striscia di Gaza", ha chiesto inoltre il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi detenuti dall'organizzazione militante palestinese Hamas. Gli Stati Uniti, che detengono il potere di veto, si sono astenuti dal voto, permettendo così l'adozione della risoluzione. Gli altri 14 membri della commissione hanno votato a favore.  E' stato l'ambasciatore del Mozambico, Pedro Comissário Afonso, a presentare la risoluzione, sostenuta da Algeria, Guyana, Ecuador, Giappone, Malta, Mozambico, Sierra Leone, Slovenia, Sud Corea e Svizzera, ricordando che i 10 membri eletti del Consiglio hanno costantemente sostenuto le altre dichiarazioni per il cessate il fuoco. "Abbiamo proposto l'attuale risoluzione che domanda un immediato cessate il fuoco durante il periodo sacro – ha detto riferendosi al Ramadan – che conduca allo stesso tempo verso un cessate il fuoco permanente e sostenibile. La bozza richiede un immediato e incondizionato rilascio di tutti gli ostaggi e sottolinea che l'accesso umanitario sia permesso per affrontare tutte le necessità mediche ed umanitarie a Gaza". Prima del voto la Russia ha cercato di cambiare il testo per ristabilire un precedente versione che includeva la parola permanente per il cessate il fuoco immediatamente richiesto. Ma il tentativo della Russia è fallito. La risoluzione, vincolante per il diritto internazionale, aumenta ulteriormente la pressione internazionale sulle parti in conflitto, Israele e Hamas. Tuttavia, non è chiaro in che misura la risoluzione avrà un'influenza sulle decisioni prese dal governo israeliano del primo ministro Benjamin Netanyahu o da Hamas riguardo al prosieguo della guerra. Immediatamente prima del voto, Netanyahu ha minacciato di cancellare il previsto viaggio di due suoi inviati a Washington con breve preavviso se gli Stati Uniti non avessero usato il loro potere di veto per impedire la risoluzione. "Il Consiglio Onu oggi si è espresso in sostegno degli sforzi diplomatici condotti da Usa, Qatar e Egitto per arrivare a un immediato cessate il fuoco sostenibile, garantire l'immediato rilascio di tutti i palestinesi e aiutare ad alleviare le sofferenze dei civili palestinesi a Gaza che hanno una terribile necessità di protezione e aiuti umanitari che salvano la vita", ha detto l'ambasciatrice Usa all'Onu, Linda Thomas-Greenfield, dopo l'approvazione della risoluzione. "Gli Stati Uniti sostengono a pieno questi obiettivi cruciali", ha aggiunto la diplomatica, parlando al Consiglio dopo il voto e ricordando come questi fossero "il fondamento della risoluzione che abbiamo presentato la scorsa settimana e che è stata bloccata dal veto da Russia e Cina". Un sostegno, ha detto ancora Thomas-Greenfield, che per Washington non è solo a parole ma anche nei fatti: "Stiamo lavorando 24 ore su 24 per renderli reali sul terreno – ha detto parlando degli obiettivi – perché sappiamo che solo attraverso la diplomazia possiamo andare avanti: ci stiamo avvicinando ad un accordo sull'immediato cessate il fuoco con il rilascio di tutti gli ostaggi, ma ancora non ci siamo". —internazionale/[email protected] (Web Info)

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 25-03-2024


Lascia il Ceo di Boeing Dave Calhoun, quando gli errori si pagano

Orsini e l’ironia dopo le accuse condivise con Rubio: “In carcere con lo chef? Cene da paura”