Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – "Ho questa malattia per qualche motivo sconosciuto. Per come la vedo io, ho due scelte. O mi alleno come un atleta e lavoro duro, oppure stacco la spina ed è finita, rimango a casa, ascolto le mie canzoni, sto davanti allo specchio e canto per me". A dirlo è Celine Dion, che si è confessato a cuore aperto a Vogue Francia e ha parlato della sindrome rara che l'ha colpita da qualche anno, la Sindrome della Persona Rigida.  "Ho scelto di lavorare con tutto il mio corpo e tutta la mia anima, dalla testa ai piedi, con un team medico. Voglio essere il meglio che posso essere. Il mio obiettivo è rivedere la Torre Eiffel", ha detto l'artista canadese, costretta a convivere con la rara condizione neurologica, ammettendo di non averla ancora sconfitta. "La affronto un giorno alla volta".  La vincitrice di un Grammy ha detto di sperare in una cura "miracolosa" per la patologia che condiziona la sua vita quotidiana e la carriera. La sindrome della persona rigida (Sps) è una rara condizione neurologica caratterizzata da rigidità muscolare e spasmi, maggiore sensibilità agli stimoli come suoni e luci e disagio emotivo che può causare spasmi muscolari, secondo l'Istituto Nazionale di Disturbi Neurologici e Ictus. Dion ha annunciato nel dicembre 2022 che si sarebbe presa una pausa dagli impegni professionali per concentrarsi sulla sua salute dopo aver rivelato la sua diagnosi. Da allora ha smesso di fare tournée e di esibirsi dal vivo.  Nell'intervista, la cantante ha rivelato che trascorre cinque giorni alla settimana in "terapia atletica, fisica e vocale". "Lavoro sulle punte dei piedi, sulle ginocchia, sui polpacci, sulle dita, sul canto, sulla voce… devo imparare a conviverci adesso e smettere di mettermi in discussione. All’inizio mi chiedevo: ‘Perché io? Come è successo? Cosa ho fatto? È colpa mia?’”. Ma con il tempo il suo atteggiamento è cambiato. "La vita non ti dà risposte. Devi solo viverla", ha detto. È l'amore delle persone a lei più vicine e dei suoi fan, così come le migliori cure mediche, che l'hanno aiutata di più. "Le persone che soffrono di Sps potrebbero non essere abbastanza fortunate o non avere i mezzi per avere buoni medici e buone cure. Ho questi mezzi e questo è un dono. Inoltre, ho questa forza dentro di me. So che niente mi fermerà". —[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 23-04-2024


Medicina, Balagna (Siaarti): “Creare sinergia tra noi e medici territorio”

Confindustria-Deloitte, investimenti e convergenza politiche per accelerare transizione economie G7