Lo scoppio della guerra russo-ucraina ha messo in crisi l’economia russa e gli investimenti in Borsa. Ecco come è la situazione.

Con lo scoppio della guerra in Ucraina, il mercato russo non è più attraente. Gli asset sono intoccabili per gli occidentali in quanto l’economia russa è a rischio default con le pesanti sanzioni imposte. “In questo momento è molto difficile vedere uno scenario in cui l’acquisto di asset russi abbia senso” dice David Coombs, capo degli investimenti multi-asset di Rathbones su CNN. Come è, dunque, la situazione della Borsa in Russia?

Borsa russa: si può investire?

La risposta è sotto gli occhi di tutti ma ecco cosa afferma Hasnain Malik, stratega di Tellimer a Dubai: “La Russia non è solo diventata non investibile per nuovi capitali, ma intrappolerà il capitale straniero parcheggiato lì”. I fondi azionari sono crollati in media il 23% secondo i dati di Bloomberg. Le obbligazioni sono affondate causa rischio insolvenza e il rublo ha perso il 50% del duo valore. “La calamità della guerra russa in Ucraina ha posto fine agli investimenti finanziari internazionali in Russia” spiega Cristopher Granville, AD di EMEA.

assegno sociale 2022
assegno sociale 2022

Borsa russa: gli investitori esteri?

Secondo i dati della Borsa russa gli investitori esteri avevano ben 86 miliardi di dollari di azioni russe alla fine del 2021. Con lo scoppio della guerra la maggior parte non può liquidare o negoziare convenientemente perché Mosca ha vietato ai broker di vendere questi titoli. “Sarà molto difficile vendere le tue azioni russe oggi e farle convertire nella tua valuta di base e portarle a casa” spiega David Coombs. Inoltre, gli asset russi non rispettano gli standard ESG dice Timothy Ash, stratega di BlueBay Asset Management. Secondo gli esperti l’economia russa potrebbe ridursi del 5% e aver bisogno di anni per risollevarsi. Quindi, perché investire in Russia?

Riproduzione riservata © 2022 - EFO

ultimo aggiornamento: 03-03-2022


Fattura accompagnatoria: come capire quando utilizzarla

Welfare aziendale: di cosa parliamo praticamente?