Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) –
Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e i massimi collaboratori della sua Amministrazione "sono più vicini a una rottura" con Benjamin Netanyahu sulla guerra a Gaza e non considerano più il premier israeliano "un partner produttivo che può essere influenzato anche in privato". E' il quadro che delinea il Washington Post, citando sei persone al corrente della questione. Secondo il giornale, i collaboratori di Biden hanno incoraggiato il presidente a prendere le distanze da Netanyahu e a "essere in pubblico più critico nei confronti del primo ministro sull'operazione militare del suo Paese a Gaza", pur rimanendo a sostegno dell'iniziativa. Non a caso Biden negli ultimi giorni ha espresso alcune delle sue critiche più aspre nei confronti di Israele, definendo "esagerata" la sua risposta a Gaza dopo il 7 ottobre. Intanto un alto funzionario dell'Amministrazione Biden ha confermato alla Nbc News che c'è "una crescente divisione tra Stati Uniti e Israele", in particolare sulla potenziale operazione a Rafah.  Nella città, nel sud della Striscia, si calcola siano raccolti 1,4 milioni di civili. La popolazione è costituita in parte da persone costrette già a lasciare altre zone dell'enclave. Le forze israeliane "stanno lavorando" alla creazione di un passaggio sicuro per consentire l'uscita da Rafah dei civili palestinesi, garantisce Netanyahu, in una intervista alla Abc. "Sono d'accordo con gli americani (quando dicono che non sosterranno una operazione israeliana a Rafah se non si si considera la sicurezza di chi ci vive, ndr). Lo faremo, garantendo un passaggio sicuro per i civili, per farli uscire. "Stiamo lavorando a un piano dettagliato", dice Netanyahu. Nelle stesse ore, il premier israeliano ribadisce che la vittoria "richiede il nostro controllo di sicurezza e la responsabilità ultima in materia di sicurezza sull'intera area a ovest della Giordania, compresa la Striscia di Gaza". "Non c'è nessun sostituto – dice visitando una base dell'esercito a Julis – Ci sarà sempre il controllo di sicurezza israeliano, e se ciò richiederà la nostra presenza all'interno (di Gaza, ndr), allora ci sarà una presenza all'interno". Netanyahu afferma ancora che che la vittoria è "a portata di mano" e che, sebbene ci vorrà tempo, non serviranno anni. "È una battaglia difficile, ma una battaglia che stiamo vincendo, per la smilitarizzazione della Striscia".  —internazionale/[email protected] (Web Info)

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 11-02-2024


Confindustria, entro domani le candidature: verso Garrone presidente

Sei Nazioni 2024, Irlanda-Italia 36-0