Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) –
L'aviaria sarà la prossima pandemia? "E' fortemente possibile" secondo Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia (Siv-Isv), che in un'intervista all'Adnkronos Salute non usa mezzi termini sui timori suscitati dall'epidemia che cresce tra i bovini da latte negli Usa, a causa di un ceppo altamente patogeno di virus H5N1 ritrovato in frammenti anche nel latte pastorizzato in commercio Oltreoceano. Nella comunità scientifica "la preoccupazione è grande", spiega l'esperto appena rientrato da Barcellona, dove ha partecipato al Congresso della Società europea di microbiologia clinica e malattie infettive (Escmid). "Il passaggio dell'aviaria nei mammiferi e la circolazione in questi animali – avverte – è un passo avanti verso l'uomo".   Lo specialista, ordinario di microbiologia e microbiologia clinica all'università di Brescia e direttore del Laboratorio di microbiologia dell'Asst Spedali Civili, traccia un quadro "forse pessimistico – ammette – ma purtroppo non dobbiamo mettere la testa sotto la sabbia. Bisogna invece essere realisti e prepararsi", ammonisce Caruso. Pensando a una futura emergenza pandemica, sottolinea, "il virus aviario è l'unico che preoccupa realmente" per più di una ragione. Innanzitutto perché "è un virus influenzale che in quanto tale si trasmette per via aerea, la più efficace in termini di contagio". Il patogeno, poi, è estremamente diffuso: "Lo stanno portando dappertutto le anatre selvatiche, che ormai vediamo anche nelle nostre città, nei nostri stagni, nei nostri corsi d'acqua". E sta mutando: "Non solo l'H5N1 – precisa l'esperto – ma diversi ceppi di virus aviario si stanno modificando, a livello di più recettori di superficie, per potersi adattare all'uomo. Un salto sempre più facile, dopo che è passato ai mammiferi e tra i mammiferi circola".  
Siamo dunque di fronte "non a una aviaria, ma a più aviarie – puntualizza Caruso – che hanno fatto il loro ingresso nel mammifero e sono tutte potenzialmente pericolose per l'uomo. Preoccupano perché la circolazione nei mammiferi indica che il virus sta evolvendo in una direzione chiara: ha imboccato una strada che inevitabilmente, prima o poi – prospetta il presidente dei virologi italiani – porterà all'arrivo nell'uomo il quale potrà diventarne serbatoio e diffusore".   
Arriveremo alla trasmissione del virus dell'influenza aviaria da uomo a uomo? "E' inevitabile – risponde Caruso – che quando il virus entrerà più e più volte nell'uomo potrà assumere quella 'fitness', cioè quella capacità di adattamento alle cellule umane, che permetterà all'uomo di fare da reservoir e quindi da diffusore per altri uomini".  Al di là dei casi noti per esposizione, professionale o meno, ad animali infetti, "chissà quante volte l'uomo è già stato infettato, magari senza presentare sintomi importanti – ragiona il presidente Siv-Isv – Chissà quanti virus aviari stanno cercando di entrare nell'uomo e quante volte ci sono riusciti". Pertanto, se è vero che ad oggi per il virus aviario il contagio uomo-uomo non è mai stato confermato, "non è detto che una trasmissione uomo-uomo non sia già possibile – osserva Caruso – o che quantomeno qualche ceppo non si sia già stabilizzato nell'uomo".  Insomma, "la situazione è veramente preoccupante – è il messaggio – ed esige una sorveglianza stringente sugli animali, non soltanto i volatili, sugli alimenti di origine animale consumati dall'uomo e sugli uomini stessi. E' indispensabile farci trovare pronti, preparati a una nuova possibile futura pandemia".   "E' indispensabile una sorveglianza stringente, molto attenta e molto pronta", afferma Caruso. "Vanno monitorati non solo gli uccelli, come già si fa da tempo, ma anche altri animali e gli alimenti che ne derivano, dal latte alla carne. E bisogna cominciare a fare controlli, magari a campione, anche sull'uomo". Soprattutto, "bisogna approntare in fretta dei vaccini da poter somministrare all'occorrenza. Non soltanto vaccini mirati al virus H5N1, ma anche ad altri ceppi che stanno passando ai mammiferi". "Il virus aviario è un patogeno che si evolve facilmente e che sta mutando in modo da adattarsi non solo ai mammiferi, salto già avvenuto, ma anche potenzialmente all'uomo", rimarca l'esperto. A minacciare l'uomo "ci sono più ceppi aviari – ripete – e non sappiamo quale variante potrà prendere piede a tal punto da arrivare un giorno a stabilirsi e a circolare nell'uomo. L'H5N1 sembrerebbe la più probabile, però ce ne sono anche altre attenzionate e anche per queste dovranno essere pronti dei vaccini, se necessario. Facciamoci trovare pronti per evitare guai", ammonisce Caruso.  "Oggi controlliamo gli allevamenti di pollame e altri uccelli a rischio aviaria, e provvediamo all'eliminazione di tutti gli esemplari infetti o potenzialmente infetti", ricorda il numero uno dei virologi italiani. Ma come dimostra l'epidemia fra i bovini statunitensi, "l'infezione può stabilizzarsi anche nei mammiferi, in animali su cui i controlli per l'aviaria ancora non vengono effettuati perché non ce n'era la necessità". L'invito è quindi a estendere la sorveglianza, ad altri animali, nonché agli alimenti che ne derivano così da accertarne la salubrità". Dopo il ritrovamento di frammenti di H5N1 ad alta patogenicità nel latte pastorizzato, Caruso tiene a chiarire come sia "estremamente improbabile che il contagio possa avvenire attraverso il cibo, specie se parliamo di latte pastorizzato o carne cotta. Ma la sorveglianza è fondamentale – insiste – considerata la circolazione in animali che forniscono latte e carne".  "Ancora prima che ci sia il passaggio della circolazione virale dai mammiferi all'uomo, gli alimenti vanno dunque controllati" nell'ambito di una sorveglianza da rafforzare. Ma per lo specialista "è importantissima d'ora in poi anche la sorveglianza nell'uomo: dobbiamo capire quanto nel mondo l'aviaria sta circolando, anche a livello sub-clinico, con sintomi non significativi". Perché se il virus dovesse infettare in modo consistente gli esseri umani, il pericolo è che si adatti all'uomo fino a trasmettersi un giorno da una persona all'altra. "Non è escluso che il virus possa già cominciare a circolare – osserva Caruso – che da qualche parte del mondo si sia già stabilizzato nell'uomo. Non lo possiamo sapere perché non stiamo facendo sorveglianza, però adesso questa sorveglianza si impone, per evitare di trovarci impreparati a una possibile prossima pandemia".  Riassumendo, esorta il virologo, "dovremmo non solo sorvegliare gli animali, non solo sorvegliare i loro prodotti che vengono commercializzati a fini alimentari, ma anche organizzare un network di controllo della popolazione, anche random, per capire se il virus aviario sta già entrando e circolando in alcune enclavi a livello mondiale, oppure è ancora attesa di adattarsi all'uomo". Quanto infine a oggetti e superfici, "sappiamo che lì il virus non può sopravvivere – rassicura Caruso – Se esposto all'aria, infatti, l'involucro che lo riveste tende a seccare e il patogeno non è più in grado di infettare cellule bersaglio. E' inoltre molto sensibile a saponi e detergenti".  —[email protected] (Web Info)

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 02-05-2024


Maltempo sull’Italia ancora oggi e domani, ma nel weekend torna il sole

Charlotte compie 9 anni, mamma Kate scatta una nuova foto