Direttore: Alessandro Plateroti

(Adnkronos) – Il ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, afferma che almeno 110 persone, fra cui 25 a Rafah, sono rimaste uccise in attacchi israeliani la scorsa notte, mentre sembra avvicinarsi l'inizio dell'offensiva di Israele nella città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, dove secondo l'Onu sarebbe ammassata circa metà di tutti gli abitanti dell'enclave palestinese. Un'eventuale operazione militare israeliana a Rafah, nel sud di Gaza, rischia di provocare "decine di migliaia" di morti e feriti, ha denunciato Hamas in una nota, secondo quanto riferito da Sky News Arabia. "Molte delle oltre un milione di persone che compongono oggi la popolazione di Rafah hanno sopportato sofferenze impensabili. Dove dovrebbero andare? Come dovrebbero stare al sicuro?", ha dichiarato il responsabile per gli Affari umanitari delle Nazioni Unite, Martin Griffiths. "Le loro case sono state distrutte, le loro strade minate, i loro quartieri bombardati. Sono in movimento da mesi, sfidando bombe, malattie e fame", ha aggiunto Griffiths, secondo cui "non c'è più nessun posto dove andare a Gaza".  Le forze di difesa israeliane (Idf) affermano che intensi combattimenti fra soldati israeliani e operativi di Hamas sono avvenuti a Khan Yunis, nel sud di Gaza, così come nel centro e il nord della Striscia, aggiungendo che vi sono stati raid aerei contro diversi obiettivi di Hamas nella Striscia. Diversi uomini armati di Hamas sono stati uccisi o catturati, riferiscono le Idf.  Le autorità siriane dicono di aver respinto un attacco missilistico israeliano contro siti vicino Damasco. "Il nemico israeliano ha lanciato un'aggressione aerea a partire dal Golan occupato, prendendo di mira siti della campagna attorno a Damasco", scrive l'agenzia stampa ufficiale Sana. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, che è basato a Londra, almeno tre persone sarebbero rimaste uccise nell'attacco aereo della scorsa notte alla periferia di Damasco. A quanto si legge, il raid, poco dopo la mezzanotte, ha colpito un edificio nell'area di Dimas, a ovest della capitale siriana. Il bilancio delle vittime potrebbe aumentare perché vi sono molti feriti. Fra i morti vi sono persone di "nazionalità non siriana". Secondo l'Osservatorio si tratta del decimo attacco aereo israeliano in Siria dall'inizio dell'anno.  La società americana di analisi finanziaria Moody's ha abbassato il rating di Israele, che passa da A1 a A2, aggiungendo una previsione "negativa" per il futuro, mentre il Paese è impegnato nella guerra a Gaza. E' la prima volta nella storia di Israele che il rating del Paese viene abbassato. "Anche se è troppo presto per determinare le conseguenze finanziarie, si tratta prima di tutto di un colpo all'immagine internazionale di Israele", scrive Haaretz.   —internazionale/[email protected] (Web Info)

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © 2024 - EFO

adnkronos ultimora

ultimo aggiornamento: 10-02-2024


Ucraina, attacco russo a stazione benzina di Kharkiv: almeno 7 morti

Ecco il maltempo, è arrivata la pioggia: tutta Italia sott’acqua