Le Agevolazioni Fiscali per il risparmio energetico: ecco come ottenerle

Le Agevolazioni Fiscali per il risparmio energetico

Quali sono le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico? Come ottenerle? Ecco una rapida guida per non perdere neanche un’occasione.

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico sono uno dei grandi vantaggi delle nuove costruzioni o delle ristrutturazioni di vecchi immobili. Danno la possibilità a tutti di realizzare un’abitazione che abbia ogni comfort, abbatta i costi energetici e, allo stesso tempo, permettono il recupero di parte del denaro investito.

Se dovete costruire una nuova abitazione o la vostra casa necessita di una ristrutturazione, allora, la cosa migliore da fare è puntare sulle agevolazioni fiscali.

Ma come fare? Quali sono? Come muoversi tra le varie normative e i regolamenti del caso? Ecco una rapida e semplice guida.

La ristrutturazione e l’agevolazione fiscale al 50%

L’agevolazione fiscale per il risparmio energetico al 50% si può ottenere nel caso di opere come la manutenzione ordinaria e straordinaria. Ossia, in parole povere, della ristrutturazione di abitazioni, di parti in comune di immobili residenziali, rurali e di ogni loro pertinenza.

Ma quali sono le spese che danno diritto ad una detrazione del 50%? Non sono solo i lavori che riguardano il risparmio energetico, ecco la lista completa:

  • Tutti i lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia.
  • I lavori che permettono il ripristino dell’immobile danneggiato a causa di una calamità.
  • Opere edilizie per l’abbattimento delle barriere architettoniche.
  • Ristrutturazione per la cablatura degli edifici e la riduzione dell’inquinamento acustico.
  • Lavori di cablatura degli edifici e di riduzione dell’inquinamento acustico.
  • Opere edilizie con lo scopo diretto del risparmio energetico, come la coibentazione.
  • Lavori per l’adeguamento antisismico di un edificio.
  • Interventi per l’adozione di misure antisismiche.
  • Bonifica dall’amianto.

In questi casi, sono detraibili anche le spese che riguardano le prestazioni professionali legate a questi lavori.

agevolazioni fiscali
Fonte foto: https://pixabay.com/photos/coins-currency-investment-insurance-948603/

Risparmio energetico e detrazioni del 65%

Quando una ristrutturazione o un lavoro edilizio, invece, è effettuato con il preciso obiettivo del risparmio e della riqualifica energetica, invece, le agevolazioni fiscali salgono fino al 65%.

Ecco quali sono i lavori di risparmio energetico che permettono una detrazione del 65%:

  • Sostituzione di un vecchio impianto di riscaldamento con una caldaia a condensazione.
  • Installazione di impianti di riscaldamento ad alta efficienza.
  • Operazioni di isolamento termico con coibentazione, schiume isolanti etc.
  • Installazione di dispositivi domotici per il controllo di riscaldamenti, condizionatori, acqua calda, luci etc.

Farsi consigliare da un esperto

La cosa da ricordare sempre quando si tratta di sgravi fiscali, a prescindere che siano per il risparmio energetico o meno, è che si deve trattare sempre con dei professionisti.

Si tratta di un aspetto, ormai, molto importante nel caso di costruzioni ex novo o di ristrutturazioni, e quindi dovete ricordarvi di non lasciarlo al caso, ma di affidarvi a professionisti esperti che siano in grado di farvi ottenere tutti gli sgravi fiscali possibili.

Fonte immagine interna e di copertina: https://pixabay.com/photos/coins-currency-investment-insurance-948603/

Ultimo aggiornamento: 31-01-2020